Tutte le cose che vorrei dirti.

Vorrei dirti che nella vita le cose diventano difficili prima di essere facili. E non diventano nemmeno realmente facili: sei […]

Aveva organizzato tutto

Mummy ·

“Mamma…”
Dita nell’occhio.
“Vedi? Guarda che hai fatto.”
“Gnmnhmesmnhmnm…”
“Lo vedi?” mi tira le ciglia come se le volesse staccare “Ti sei addormentata col trlucco.”
E’ un po’ che le è presa ‘sta erre che non è proprio erre. Invece di r suona più rl.
Non so se è un effetto della britishness, come quando mi dice ‘oggi mi metto quella verde felpa‘.
“Mam-ma!”
“Gngnhmhmgn…”
Dito nel naso.
Cioè, voi state dormendo e qualcuno vi infila un dito nel naso.
Come quando vi svegliano col solletico.
How funny.
“Facciamo un discorlso.”
E si siede sopra la mia pancia, mi gira la faccia e si spalma a un centimetro da me.
“Allorla. Prlima cosa, non si dorlme col trlucco.”
Aiuto. Parla come un’attrice di fiction a cui Starbene ha chiesto ‘i tuoi segreti di bellezza’. E mi sta anche cazziando. Esci da questo corpo! O, almeno, lèvate dal mio.
“Poi, mamma. Così non va bene.”
“COSA non va bene, Porpi?”
“Hai detto che quando tornavi giocavi con me, e invece stai dorlmendo.”
“Porpi, sono stanca, ancora cinque minuti.”

Commenti