Per amore delle foto

Life · · 62 commenti
fots5

Mio papà ama fotografare. Ad ogni ricorrenza, pranzo in famiglia, gita fuori porta, ci riuniva e iniziava – odiato da tutti – a scattare le sue foto. Regolarmente in posa (che noia), e regolarmente mai sviluppate. Un giorno troveremo quei rullini e saremo travolti da ricordi. Ricordi esteticamente orrendi, dove l’espressione è quel ghigno di chi è costretto a sorridere per la sesta volta alla macchina fotografica in bilico tra lo zio e la sorella, ma tant’è.

fots1fots4

Le foto di quando eravamo piccoli, quelle invece sono stampate. Alcune sono sfocate, mosse, o catturano angoli senza senso di orecchie, piedi, spalle e capelli che qualcuno ha scattato per errore ed egualmente per errore ha incluso tra le stampe. Il fatto è che a volte un’immagine imperfetta è l’unica immagine disponibile di un ricordo, di un’emozione passata, ed è incredibile il modo in cui anche una sagoma sfumata, come la luce la colpisce, gli oggetti intorno, o anche semplicemente i colori, possano riaccendere ricordi nitidissimi. Come un profumo, certe immagini sono in grado di portarti indietro nel tempo.

fots2fots3

Oggi uso due hard disk esterni per conservare le (migliaia di) foto che scatto, ma ho stampato solo tre photobook in una decina d’anni. Ho perso molte delle foto dei miei 20 anni per un guasto al Mac. Ho decine di ‘Album’ su Facebook ma un solo album da sfogliare tra gli scaffali di casa, con quell’odore forte di inchiostro e carta fotografica che solo le foto possono avere.

Forse, oggi cerco l’ideale nelle foto che scatto. La giusta luce, l’espressione naturale, il momento della giornata. La foto sfocata viene cancellata perché ce ne sarà sempre una migliore, tra le cinque scattate allo stesso soggetto. Complice Instagram, scatto cento volte più di quanto fotografasse mio padre (che già ritenevamo un maniaco). Mi illudo che condividere sia anche possedere, ma la verità è che mi sembra triste avere un link come ‘album di famiglia’.

Sto cercando di stampare di più. Di appendere, di conservare, di toccare. Sentire il ricordo tra le mani. Che è così diverso dallo scorrerlo con un dito sullo schermo di un tablet, o fare doppioclick su un file del computer.

Tutto questo post per chiedervi un po’ anche consiglio: cosa fate con le vostre foto? Le stampate? Fate photobook o album? Le lasciate in formato virtuale? Anche voi, come me, ogni tanto andate a dormire col pensiero fisso ‘DEVO stampare almeno qualche foto’? Cerco suggerimenti, devo capire cosa fare con i miei Terabyte di foto…

Related Post

Commenti

  • Io cerco di stampare quando riesco, perchè mi dispiacerebbe perdere tutto. Mi è capitato una volta con il cellulare. Si è bruciata la memoria e puff.. Non erano foto artistiche, ma piccoli ricordi, piccoli momenti che non avevo salvato e quindi, come dicevo, appena riesco oltre a salvare, stampo le cose più carine.

  • Fabiola

    Prima non stampavo quasi mai le foto, erano li, file tra i mille file. Da quando ho perso una persona cara, ho iniziato a stamparle perche, anche se spesso imperfette, sono una delle poche cose che rimangono e che ti consentono di dare corpo ad un ricordo.
    Stampo anche per regalare degli album ai miei familiari, perche so che sentono molto la mancanza di mio figlio, vivendo cosi lontani…mi sembra un modo per dividere con loro le mille espressioni dei bambini.
    Certe vlte pero mi viene il dubbio: non e’ che a furia di stare sempre a scattare/postare/chattare etc. etc. non viviamo piu il momento, talmente siamo prese a cercare di catturarlo per futura memoria??
    Buon we a tutti…qui a L apparentemente con il sole : )

    • Sì il dubbio viene anche a me!

      • francy

        Ciao Chiara, purtroppo penso che spesso si cerchi di catturare un ricordo ancora prima di viverlo davvero.. Io ho smesso di avere l’ansia della foto piu’ rappresentativa, dopo che dono tornata dall’ennesimo viaggio in un paese magnifico con foto fantastiche e nessun ricordo di vita vissuta, di risate e di spensieratezza.. rubatemi dal continuo assillo di avere la macchina pronta per catturare quella luce particolare, lo sguardodi quel bambino, i sorrisi dei miei cari.. Invece di godermeli senza lenti in mezzo..

  • Soraida

    Quanto mi ci sono ritrovata in questo post! Da quando ho la digitale centinaia di foto sono sul pc e forse,ma dico forse un piccolo album mandate in stampa … Il primo anno di vita di Alex è tutto lì sul pc ..un pò fa tristezza se ci penso .. Se penso ai miei album invece tenuti come oro dai miei genitori! Non parliamo di Nicole che è arrivata da poco più di due mesi e ha un “book fotografico ” di almeno 1000 foto … Si peccato che siano tutte sull’ iPhone5s ( arrivato giusto giusto 6 gg prima che nascesse) per pigrizia e mancanza di tempo se non mi sbrigo a decidirmi di caricarle su pc un giorno mi pentirò di non aver mandato ancora in stampa le sue foto ….

  • Io ho avuto per molto tempo solo album virtuali su “facebook” poi un giorno, complice un amico fotografo, le ho stampate tutte…centinaia di bellissime e profumate foto che ho messo in diversi album che sfogliavo molto di più di quelli virtuali e da allora per me la foto, è solo quella stampata!
    a presto!

  • elena

    ho iniziato a fare moltissime foto da (relativamente) pochi anni..sono rimasta finchè ho potuto legata alla mia vecchia macchina digitale, e quindi fino al 2008 ho poche foto ma “buone”, e tutte stampate.. Da quando sono passata al digitale non stampavo più nulla…fino al mese scorso. Risistemando il pc di mia madre ho scovato foto che avevo dimenticato di aver scattato e mi ha assalito la nostalgia della fisicità delle vecchie foto..ricordi da toccare, sfogliare.. Così ho fatto una piccola (….”solo” 800 foto..) selezione dei ricordi più significativi degli ultimi sei anni…vacanze, cene di famiglia, la nonna, compleanni…e le ho stampate. Forse non mi sarebbe capitato per anni di guardare le foto dell’estate del 2010, invece adesso ho un album con le “migliori”, da aprire e guardare quando voglio. Ah, mi ha portato via parecchio tempo, ma secondo me ne vale la pena. :) PS seguo il tuo blog da anni, e adoro il modo in cui scrivi, le foto che scatti..fai venire voglia di viaggiare, di vivere appieno! :) ciao

  • Proprio stamattina guardavo la pagina di Photobox per fare un album delle vacanze estive 2013. Di solito faccio un photobook ogni estate o una volta all’anno con tutti i “city breaks” all’estero.

    xXx
    Blog: http://unspeakablethoughtsunspoken.blogspot.com
    Shop: http://unspeakablethoughtsunspoken.tictail.com

  • samy

    io devo stampare foto!!! solo che con la tecnologia di adesso se ne scattano migliaia…e siccome non si possono stampare tutte…si devono guardare una per una e decidere quali tenere…
    risultato: le ultime foto stampate risalgono al 2009!!!! ho migliaia di foto da guardare…le metto anche su cd perché se per disgrazia si rompe l’hard disk sono rovinata…mi devo dare una mossa..ma quando??? di notte????

  • Io ci faccio murales in casa con le foto stampate… Credo che diano più colore e, soprattutto, diano una sensazione più vissuta al ricordo. Ne avevo parlato pure qui del fatto che, nonostante la tecnologia aiuti, a me piace toccare le foto come sfogliare un libro: http://lapprendistastachanovista.blogspot.it/2012/05/cultura-20.html

  • Miky

    Ciao Chiara, è la prima volta che ti scrivo e la prima cosa che vorrei fare sono i miei “banalissimi” ma più che sinceri complimenti per il blog che ormai seguo da anni! :-) Anche io come te sono una maniaca delle foto e anch’io come te ho una profonda nostalgia per i vecchi album di famiglia, quelli che potevi vedere, toccare, odorare…Ogni tanto mi capita di stampare qualcosa ma sono per lo più ingrandimenti che poi trovano posto in cornici appese sulle pareti…Chissà se i nostri figli avranno la fortuna di conoscere questi “strani oggetti” del ricordo? Io spero davvero di si. Baci!

  • Alexa

    Come te sono appassionata di foto, e a volte mi accorgo che la ricerca della foto perfetta, della composizione perfetta, dell’esposizione perfetta mi tolga un pochino la gioia di vivere il momento. Però amo troppo fotografare! Quanto ai photobook ho iniziato con quello del mio matrimonio, per averne uno a mia immagine e somiglianza e soprattutto low cost. Poi ho fatto quello del viaggio di nozze e di una vacanza a Parigi.. ma ne farò altri, trovo sia un bel modo moderno di conservarle.

  • PAT

    Io sono antica, mi piace stampare le foto e metterle nell’album. Quando guardo le foto sullo schermo lo faccio sempre con troppa fretta e mi perdo i particolari e tutti i dettagli che invece risaltano in una stampa osservata con calma. Ma forse è solo un mio limite… :-)

    • Michela

      Anche a me sembra che stampando le foto le si guardi poi con più calma. E’ lo stesso motivo per cui leggo ancora libri cartacei, li assaporo di più rispetto a quelli elettronici.

  • Titti

    Io faccio scrapbooking digitale. Prima era cartaceo, ora col piccì, ma sempre quello è: valorizzare le foto e creare ricordi che rimangano belli da sfogliare. Dopo stampo fotoalbum, cercando sempre l’offerta migliore, sai com’è… In mansarda abbiamo non so quanti album. E ad ogni viaggio che facciamo, un album dedicato solo a quello, con nella costola esterna, il nome del posto e la data, così da identificarlo.
    E’ un vero peccato non stampare più le foto, con tutto questo digitale… vuoi mettere le foto da vedere su un telefonino, con lo schermino piccolo, invece che stampate, di carta, da toccare, sfogliare…

    • eli

      Mia figlia, Artemis, ha una tata. Alla fine del mese dico alla ‘nounou’: “Ecco le foto!”, ma in realtà ci sono la sua busta paga e i ricordi degli ultimi mesi :è un modo per obbligarmi a stampare. 😉

  • Che bel post!
    Mia mamma è come tuo papà.
    Ho una trentina di album della mia infanzia a casa dei miei (in fondo ai quali mia mamma mi scriveva una “lettera” raccontandomi i miei progressi, molto simile a un blog), più scatole da scarpe (puzzolenti di scarpa più l’odore dei rullini) piene zeppe di quelle foto venute-male-ma-che-evocano-meglio che citi.
    Ho perso tutte le foto della mia gravidanza perché mi si è bruciato l’HD.
    Da allora ho il cloud e stampo tutto a cadenza trimestrale e non pubblico quasi niente su blog e social network.
    So che la Purulla lo apprezzerà :)
    P.S. Sei rimasta uguale :)

    • ahaha uguale, addirittura :)

  • Manrico

    Tancredi mi ha regalato un servizio fotografico. Ho posato interpretando diverse statue greche perché lui adora il mio corpo. ha poi fatto stampare un trittico di 2 metri in altezza e quindi in casa sua adesso campeggiano “manrico il discobolo”, “manrico feat. laoconte”, “manrico l’auriga”

    • vorremmo tutte il calendario!

  • Prima del digitale per me era una grande emozione andare a ritirare le foto dei miei viaggi dal fotografo. Poi passavo serate intere a comporre i miei album. A volte le attaccavo su album di carta di riso, altre volte le inserivo in piccoli raccoglitori con le buste trasparenti dove ogni foto aveva per sfondo un cartoncino in un colore abbinato. Tutte le foto in rigoroso ordine cronologico e con didascalia del nome del luogo per non dimenticare. Era un po’ come ripercorrere il viaggio. Dopo che mi sono convertita al digitale (molto tardi), ho perso questa bella abitudine tanto che non ho nemmeno un album dei miei figli. Quando ci penso sto male, ma non mi sono ancora imposta di trovare il tempo di farlo. L’unica cosa positiva forse sarà che, quando mi ci metterò, sarà più facile, dato che è trascorso del tempo, fare una cernita e stampare solo quelle veramente speciali, non più presa dall’entusiasmo del momento.

    • E’ vero! Anch’io ricordo l’emozione con cui io e i miei amici portavamo a far sviluppare le decine di rullini delle nostre vacanze estive in UK, l’attesa e poi le risate nel guardare insieme le foto e ripercorrere le tappe delle nostre avventure :_)

  • Ciao Chiara,
    anch’io ho un sacco di foto, perché scatto molto. Ho stampato su tela sedici foto quadrate delle mie figlie e devo appenderle 4 x 4 in modo da creare un quadrato. Io stampo sempre da
    http://www.stampa-su-tela.it sono veloci ed hanno prezzi imbattibili.
    PS Tutti i regali di natale ai nonni sono stampe su tela delle nipotine 😉

  • Che tasto dolente… Io ODIO le foto digitali e almeno una volta alla settimana mi ripeto che devo, devo, DEVO decidermi a stamparle. Il problema però è che la sola idea di mettermi davanti a una jungla di migliaia di foto (sono anni che non le stampo ^^’) mi demoralizza e ogni volta procrastino. Che peccato… Le foto digitali, con la loro ricerca della perfezione, sono una pizza. Ormai sono tutte uguali, tutte standardizzate. Vogliono rasentare la perfezione e finiscono per non essere più personali, spontanee, imperfette e allo stesso tempo piene di fascino e ricordi.
    Per non parlare della “fotomania” :S Anche a me piace far foto, soprattutto quando viaggio, ma passare la vita a scattare (e soprattutto a condividere su tutti i social network) secondo me è inquietante: il rischio è quello di vivere ogni momento per mostrarlo e non per goderselo :(

    • Michela

      Infatti: io su Facebook quasi non metto foto, ne ho messe forse due o tre. Uso il social più come un blog, per esprimere il mio parere su argomenti che mi colpiscono e più ancora per visitare pagine su argomenti che mi interessano. Chissà in quanti ne fanno l’uso che ne faccio io…

  • questo post casca a fagiolo in questi giorni…ci si è svampato l’hard disk esterno, quello con tutte le nostre foto, comprese quelle che mio suocero aveva scansionato dagli album di famiglia sua, di mia suocera fino a tutta l’infanzia a di mio marito…più di mezzo secolo di storia, che per fortuna esiste comunque in cartaceo.
    Per fortuna il blackout dell’hard disk non ha comportato gravi e grandi perdite perché mio marito, grazie al cielo, fa regolarmente dei backup su un altro disco. l’ultimo l’aveva fatto dopo capodanno, quindi abbiamo perso “solo” gennaio e febbraio.
    E quindi ci si chiedeva che fare, proprio per essere sicuri di non perdere tutti gli scatti della nostra vita, che detta così fa melodramma, ma sarebbe un dramma per davvero.
    ogni tanto stampiamo delle piccole selezioni, photoalbum solo tre al momento, e ne abbiamo in lista almeno altri tre e non ci mettiamo mai, peccato.
    se da un lato ringrazio l’avvento del digitale perché con la reflex analogica avrei scattato meno e ci avrei messo il triplo di tempo ad imparare certe cose, dall’altro lato sì, mi manca quella busta con quei 36 scatti su carta, da scartare l’uno dopo l’altro, come caramelle golose.

  • Annina

    Io stampo. Seleziono con cura le foto, aspetto qualche ottima promozione, ma DEVO stampare! Possibilmente su carta opaca. Gli album mi piacciono con i fogli liberi (senza “taschine” per le foto) quelli con la velina tra un foglio e l’altro. Non guardo mai le foto sul pc non mi piace, mentre gli album ogni tanto li sfoglio, anche col mio nano! Insomma si capisce cosa ti consiglio, no?!

  • ludovica

    7 anni fa sono partita con l’idea che nel bagno della ns casa avrei tappezzato le pareti con “quadri” di collage di foto di me, di lui, di noi, dei ns amici, dei gatti, dei viaggi insomma una storia da “leggere” lungo le pareti. ne ho appesi 3 di quadri.. ho blocchi di appunti x le foto che vorrei appendere e come comporle nel collage, un hard disck pieno di foto virtuali, un paio di cornici da riempire e alcune centinaia di ora all’attivo a “sfogliare” album sul pc. ogni volta mi dico che stavolta lo faccio e ogni volta…faccio altro!!!

  • Sandra

    Io mi ero ripromessa di stampare un photo album all’anno, per raccogliere tutte insieme le foto migliori dell’anno appena trascorso. Una sorta di “the best of”. Ammetto, però, di essere in arretrato. Devo ancora stampare il 2012 e il 2013 e mi blocco sempre perchè poi, se vai a vedere, di tante foto scattate, le stampabili sono poche e miserelle.

  • Annaelle

    Che bellissima la prima foto, hai lo stesso sorriso!
    Qui in America si usa tantissimo fare le foto dal fotografo (cosa che io odio), con il risultato che noi abbiamo tantissime foto in posa plastica (e orrende, imho) e poche foto naturali.
    Il resto e’ conservato in ordine sparso in vari album…

    • Michela

      Anche a me non piacciono le foto in posa

  • paola

    Io mi sono imposta di stampare le foto ogni anno, dopo l’estate. Anche se di solito sono almeno un centinaio di foto…ma mi piace troppo sfogliare gli album insieme alle e bimbe, non mi piace che usino pc o cellulare per guardare le foto. A volte prendono gli album e se li “raccontano” da sole, troppo tenere! 😀

    • Awww adorabili!

    • Michela

      Bellissimo che tu faccia apprezzare alle tue bimbe gli album cartacei, ma purtroppo nel corso della loro vita sarà inevitabile che usino pc e cellulare

  • Grace

    Leggendo questo post ho sentito una leggera angoscia: è verissimo, scattiamo migliaia di foto che però rischiano di rimanere virtuali e – per quanto mi riguarda – sparse tra cellulare-ipad-mac-macchine fotografiche per poi magari svanire in caso di premorienza di uno di questi aggeggi (cosa successa con il mio vecchio e glorioso ibook).
    Poi non è detto che i tipi di backup che oggi usiamo siano eterni, potrebbero benissimo non esserlo più tra un 10-20 anni: nello stesso arco di tempo siamo passati dai floppy disk agli zip (o come si chiamavano gli archivi a supporto magnetico), ai cd e poi ai dvd con relativi masterizzatori, sembravano tutti così avveniristici ma sono già tramontati. Ora siamo alle “nuvole” ma forse per essere sicuri che ai nostri figli e nipoti rimanga qualcosa toccherà ricorrere alla cara vecchia stampa, quindi scattare di meno ma stampare di più… Ecco un altro ottimo proposito che aspetta solo di essere disatteso!
    OT: ispirati dal tuo post su Abu Dhabi (e anche dal fatto che ci sia un volo diretto da Roma 😉 siamo in vacanza lì vicino, per la precisione a Sir Bani Yas Island, calduccio ma non troppo, mare bello, relax totale! Grazie per l’idea!!

    • Prego!!! Grazie a te del commento :)

  • chiara

    Al rientro da ogni vacanza preparo un foto album che faccio stampare. Subito. Ancora prima di disfare le valigie.
    Altrimenti poi il tempo passa e comincia il gioco del “ma qui dove eravamo…??”
    E una volta l’anno preparo sempre un foto album x la mia bambina.
    Ci piace guardarli assieme.
    Come adoriamo guardare i miei con le foto “vere ” attaccate da mia mamma durante le lunghe estati in montagna. Lo zio capellone che ora è pelato, le spalline della giacca della zia al matrimonio dei miei, gli occhiali a forma di cuore di quando ero bambina…

  • La mia vita si divide in ante e post digitale: prima, pochissime foto da bambina stampate da rullino che sono preziosissime, dopo, caterve di album virtuali con sequenze della stessa situazione colte a distanza di pochi secondi, troppe per prendersi il tempo di guardarle. Forse da vecchina, se ci saranno ancora i computer …

  • Esattamente il pensiero fisso che ho da qualche tempo! Voglio stampare foto da mettere in un album di famiglia che guarderò solo io, e poi voglio stampare photobook di viaggi speciali e dei primi mesi qui in Canada. Poi ovvio, archiviare per bene tutto negli hard disk è fondamentale!

  • No, non parliamo di foto! Ho un album di quelli belli, rilegati, con una carta bellissima…assolutamente vuoto! Dovrebbe contenere i momenti salienti del primo anno del Tigre e della Pulcetta e invece niente! Si, stampare, ma prima, scegliere, scartare…

  • Io scatto migliaia di foto, per tentare di bloccare gli attimi, le emozioni, e poi condivido e creo album virtuali ( i love instagram ) e appena posso stampo o in maniera classica o facendo photo album, mi accorgo di quanto sia cambiata la nostra mentalità sopratutto nelle occasioni in cui i bambini devono portare una foto a scuola, una volta mia mamma mi faceva scegliere tra tutte quelle stampate ed ecco che io avevo la mia bella foto stampata bene da portare a scuola, ora invece per mancanza di tempo spesso e volentieri i bambini devono portarne una stampata alla belle meglio su carta, sgranata e con colori assurdi…devo stampare di più!

    • Esatto!! Per non parlare di quando finisce l’inchiostro a colori -.-

  • Daria

    Ciao Chiara, è la prima volta che posto ma leggo da tanto il tuo blog che trovo davvero bello e sincero.
    Anche io amo molto fotografare con la reflex, con l’iphone etc, ma nel corso degli anni ho stampato davvero poco. Sono mamma di un bel bimbo di quasi sei mesi e le foto sono aumentate a dismisura. Ho deciso di farmi regalare una canon selphy e ho parzialmente risolto il problema. Stampo molto di più di prima senza lo stress di dover caricare un sacco di foto (per ottimizzare) su qualche sito. Adesso ne stampo 3 o 4 a settimana nei momenti di calma (=nanna). La qualità è buona anche se il costo è più alto.

    • Cos’è la Canon Selphy??

  • hermione

    Io le catalogo per soggetto e data su un hard disk esterno ma non riesco a rinunciare all’album. Le foto migliori le stampo, le appiccico e le corredo di didascalie. È una fatica ma a me e ai bambini piace sfogliarle e raccontarci i ricordi. Però io ho di certo meno foto rispetto a te, al posto tuo non so se ce la farei

    • Infatti mi devo dare una regolata ahaha 😀

      • Kiki

        È una piccola stampante per foto, la sto usando anche io da poco e mi trovo benissimo. Stampa in formato standard, quindi non si può scegliere altro formato.
        Però per conservare le foto in album e cornici è perfetta. Risoluzione ottima!
        Noi abbiamo costruito la nostra parete dei viaggi i camera da letto con tutte le nostre foto! Prima stampavo on line e mi passava la voglia, ora ci metto pochi minuti ed è fatta. La consiglio !

  • cinzia

    non ho nessuna foto della mia infanzia, vivevo solo con mamma e lei non mi ha mai fatto una foto. E’ molto triste questa cosa, cerco di fotografare ogni momento della vita del mio bimbo di 3 anni. Non vi volevo deprimere ma è la verità

  • cinzia

    non ho nessuna foto della mia infanzia, vivevo solo con mamma e lei non mi ha mai fatto una foto. E’ molto triste questa cosa, io però cerco di fotografare ogni momento della vita del mio bimbo di 3 anni. Non vi volevo deprimere ma è la verità

    • Un’esperienza triste ti ha permesso di non fare lo stesso errore (se di errore possiamo parlare) con tuo figlio. Quindi un big smile per la tua macchina fotografica 😀

  • Penso che il problema delle stampe sia un po’ comune a tutti, di questi tempi.
    Solo che io penso che anche stampando e archiviando decine di album cartacei non è che risolvi il problema dell’esubero di foto; magari smaltisci un po’ perchè sei costretto a selezionare, ma hai lo stesso una quantità spropositata di archivi ingombranti di “ricordi” che ti vien raramente la voglia di andarti a sfogliare.
    Credo che se fotografi per passione, quella dei ricordi diventa una questione secondaria rispetto all’interesse che dai all’esito dell’immagine, alle sue qualità visive (almeno per me è così).
    Di ricordi fotografici puoi riempirti casa e non fartene niente. Forse il fatto che oggi possiamo relegarli in un hard disk è un vantaggio rispetto al passato, permettendoci di scegliere davvero quei pochi significativi.

  • io ogni tanto faccio una cernita e stampo le mie preferite su snapfish…altrimenti le scarico tutte sul pc ed una volta al mese controllo quelle che vale veramente la pena tenere e le metto su un hard disk esterno.Un lavoro praticamente ahahha

  • io ho ceduto alla reflex digitale solo tre anni fa, prima avevo una reflex analogica e quindi ero costretta a stampare. la mia prima reflex l’ho avuta in prestito da mio papà quando avevo 21 anni sotto il giuramento che avrei fatto un corso di fotografia. Mio papà era come il tuo. Ho delle foto assurde di me dentro un’aiuola, faccia scazzatissima perchè era la centesima foto che mi scattava quel giorno…però a riguardarle ora…wooooooooow, che botta!! che ricordi…e come dici te anche le foto bruttarelle a volte sono le uniche che si hanno di una persona e diventano preziosissime…scrigno di un ricordo che altrimenti andrebbe perso. Da quando tre anni fa ho preso la digitale stampo molto meno, ma mi sono imposta almeno di stampare due album all’anno: uno con le foto dei viaggi fatti ogni anno e uno con le foto du mia figlia degli ultimi 12 mesi. Per le altre foto (quelle di tutti i giorni, quelle di Natale, quelle fatte nelle gitarelle fuori porta ecc…le salvo su un album FB e le metto su CD periodicamente, così non rischio di perderle. Due anni fa mi si è “sputtanato” il pc e solo grazie a FB non ho perso le foto della gravidanza che non avevo mai stampato…

  • Cecilia

    Ciao Chiara, prima stampavo tutto (con la pellicola se non stampavi non vedevi!) ora ho deciso di stampare fotolibri solo per viaggi in famiglia e/o eventi speciali (concerto del marito, matrimoni, etc).
    Ogni tanto faccio dei fotolibri con le foto dei bambini da regalare ai nonni – solo a me chiedono le foto dei nipoti un gioro si e l’altro pure???

  • alice

    io ho sempre una cartella nella pendrive intitolata ” da stampare prima o poi” :-)

  • Valeria

    Si io le stampo, da sfigata, ancora in quegli album grandi marroni di pelle, perché vuoi mettere il gusto di sfogliare il cartaceo che vederle scorrere nel computer? Non c’è paragone…..io poi sono una nostalgica…figurati che ho scattato foto anche al cassettone dentro il fasciatoio e al grembiule e la buchetta della scuola materna…insomma,è anche bello scattare ai dei particolari che poi nel tempo non ricorderemo più…ma si,io sono per sviluppare!!!

  • io faccio scrapbooking!!
    è la cosa più bella che si possa fare con le foto!!

  • Alessia A.

    Chiara, secondo me DEVI svilupparle!
    Che bello è l’album del Giappone?!? Non eguaglierà mai nessuna presentazione/album/vattelapesca digitale!
    Poi tu hai spiccate doti artistiche ed estetiche, sei pure illustratice, disegni da paura…ma vuoi mettere quando Viola sfoglierà questi piccoli grandi capolavori?!? No, dai, non c’è storia! :)

  • Ivy

    Ho pianto per giorni quando ho perso le foto di anni contenute, come le tue, in un hard disk esterno! Da allora, MAI PIU’. Quando posso stampo, quando posso metto tutto su cd e alla prima occasione stampo, quando penso alle foto contenute nella memory-card o nell’hard-disk, allora è arrivato il momento di “mettere tutto in sicurezza” stampando!
    Non importa se non le vuole guardare più nessuno le foto su un album cartaceo, sono lì, anche solo per me e per i miei cari!

  • Michela

    Anche se anch’io da molti anni fotografo in digitale (fotocamera, cellulare e adesso anche tablet), ritengo sempre ineguagliabili le foto cartacee, adoro sfogliare gli album. Purtroppo sono un po’ in spending review da un po’ di tempo e non stampo per risparmiare, ma ogni tanto faccio un cd di foto per non perderle, quando ne ho accumulate un po’, e mi riprometto di stamparle un giorno o l’altro. Quando amici o parenti mi mettono in mano un pc per farmi vedere le foto io mi scoccio, non mi piace vederle a video, l’album cartaceo per me ha sempre il suo perché (così come i libri, preferisco sempre quelli cartacei agli ebook).

  • Marta

    ahhh come ti capisco perdere le foto e’ un esperienza …
    Di solito provo a fare dei back up regolari…quando funzionano :-)
    Ora ho imparato a stampare le foto che piu sono affezzionata, ormai con tanti servizi online e poco costosi.. preferisco avere le foto piu belle e di cui ci tengo veramente a portata di mano.
    Poi comunque essendo un’altruista cerco di regalare le mie foto piu belle, su diversi oggetti le ultime che ho regalato sono state stupende creazioni. Uso di solito per stampare fotoregali.com le ultime stampe su tela sono uno spettacolo.
    Altre volte quando voglio essere sicura che le mie foto siano al sicuro le carico su una pennina usb ormai c’e ne sono di diverse dimensioni e sono comode. Voi conoscete altre soluzioni piu pratiche?