Il mercato, su Canon Irista

Life · · 14 commenti
London Farmers Market

Sì, anche a Londra, con i suoi pomodori pallidi, le sue ciliegie microscopiche, i suoi meloni insapori e quelle zucchine romanesche che proprio non si trovano, cresce della bella frutta e verdura. E sì, i coltivatori diretti fanno il loro mercato, così come a Roma e in tante altre città italiane.

Noi ne abbiamo uno vicino casa e spesso, il Sabato mattina, andiamo a fare una spesa ancora sporca di terra, entusiasmandoci quando la stagionalità permette i colori, cercando di sfruttare al massimo la poca varietà invernale, familiarizzando con carote viola e parsnip (pastinaca), che ho scoperto di adorare, specialmente se fatta al forno le carote, condita con sale olio e miele.

IMG_7785p.jpgIMG_7797p.jpgIMG_7815p.jpg

E quindi eccoci qui, una mattina del weekend, il sole che filtra dagli alberi del parco e un po’ di vento, le borsone da riempire con la verdura fresca e la fantasia di qualche piatto speciale.
IMG_7834p.jpgIMG_7810p.jpgIMG_7837p.jpgIMG_7791p.jpg

Queste foto sono state caricate tramite Canon Irista.

Ve ne avevo già parlato in questo post,  raccontandovi di come su Irista sia possibile conservare tutte le vostre foto come su un album virtuale. Una volta caricate le foto si possono poi  ovviamente riscaricare sul proprio computer o sfogliare come in un album virtuale, organizzate per tag, per luogo o per album.

La cosa che mi piace di Irista è che NON è un social network, ovvero non si è connessi agli altri utenti e le foto sono totalmente private, solo voi potete vederle. A voi poi la scelta di condividerle, su Facebook o su Flickr. In entrambi i casi su Irista potete tenere traccia dei like e dei commenti e ‘richiamare’ la foto se decidete di non volerla più tenere su quel social network. In questi giorni ad esempio su Facebook state vedendo il mio [#irista photo diary] e condivido qualche foto ogni tanto direttamente dal sito.

IMG_7829p.jpgIMG_7825p.jpgIMG_7809p.jpgIMG_7820p.jpg

Essendo pensato anche per i fotografi professionisti, Irista tiene traccia dei dati EXIF delle foto, ovvero tutte le informazioni della vostra fotocamera riguardo al vostro scatto come ad esempio obiettivo usato, ISO, tempi, apertura etc. In questo modo potete controllare quali settaggi hanno le vostre foto migliori e cosa avete sbagliato in quelle scure, mosse o sovraesposte.Dati exif Irista Canon

In questa foto ad esempio mi sono accorta che avrei potuto abbassare gli ISO a 200 e scattare con una minore velocità di otturazione, anche se era una giornata incerta e nuvoloni grigi si alternavano al sole, cambiando la luce all’improvviso. Nonostante questo sono piuttosto soddisfatta del risultato 🙂

Irista Canon dati exif

Al momento sto usando Irista per due scopi: il primo è archiviare in modo sicuro tutte le foto che scatto per il blog. No, certo, bellissimo tenerle, però ad esempio dieci foto di carote, più dieci di mele, più dieci di cavolfiori – moltiplicate questo per tutto ciò che vedete su questo blog – non è esattamente l’album di famiglia che voglio tenere sempre con me sul pc, anzi: troppe foto mi rubano spazio e me lo rallentano tantissimo.

L’altro scopo è quello di cui vi ho già parlato, ovvero archiviare le foto più belle di Viola e poi poter accedere a questi album da qualsiasi parte del mondo, specialmente quando sono in Italia e i parenti vogliono vedere qualcosa della nostra vita londinese.
IMG_7848p.jpgIMG_7851p.jpgIMG_7858p.jpg

Mi sto trovando molto bene. Al momento non ho ancora terminato l’offerta base, gratuita, di 10 GB. Una volta esaurita quella posso comunque scegliere di aumentarla, pagando una piccola cifra mensile, a 50 o 100 GB.

Se anche voi volete provare Canon Irista potete iscrivervi qui.

 

Related Post

canonfotolondramercato

Commenti

  • Hermione

    Sarò fuori tema…ma sbaglio o la verdura e la frutta sono un tantino care?

    • Eh sì a Londra il biologico costa!

  • Emanuela

    Belle come sempre le tue foto! Ma hai montato il 50ino fisso? Ti trovi bene? Io ho il modello per la Nikon che apre a 1,4. Si ottengono dei bei bokeh 😉 L’unico problema e’ che con il mio non sempre riesco ad ottenere foto ben a fuoco. In effetti con i tempi a 1600 lo scatto e’ molto veloce quindi perdi in luminosita’ ma hai piu’ chance di fermare l’immagine e non sfochi, soprattutto con i bambini che si muovono in continuazione… Anche gli ISO li modifichi manualmente di volta in volta oppure quel settaggio lo lasci in automatico? Io purtroppo non posso provare Irista ma magari esiste qualcosa di simile per Nikon, spero. Devo informarmi! Grazie ancora per i tuoi continui aggiornamenti fotografici e splendidi racconti sulla vostra vita londinese. Ti faccio i miei complimenti perche’ ti trovo davvero una donna e mamma in gamba, oltre che molto simpatica.
    Emanuela

    • Guarda che Canon Irista non è solo per chi usa la Canon, ‘funziona’ con qualsiasi digitale di qualsiasi marca 🙂 Io con 50ino scatto quando voglio fare dettagli o ritratti, o se viaggio e voglio portare poco peso. In quel caso è limitante sull’ampiezza di zoom ma consente un punto di vista specifico, il che non è male. Poi adoro la sua luminosità!

  • Ahaha grazie! E’ di Primark 🙂

  • In realtà sono migliorata a forza di fotografare e fotografare e smanettare con le impostazioni, prima le foto erano un po’ una schifezza 😀 Comunque potrei farlo, certo, giusto per ricordare un po’ le basi ma poi credo che veramente il 90% lo faccia la pratica!

    • Prisca

      Si è vero ci vuole pratica! ..è che tutti consigliano di leggere bene il manuale ma sono pigrissima!! Preferisco andare a tentativi! Comunque sono davvero belle! Tra i post più recenti mI sono piaciute tantissimo le foto del Portogallo e quelle della Polonia! E poi quelle di Londra in generale…si insomma tutte!!!

      • Grazie 🙂 Anche per me leggere quel mattoncino di manuale risultava un po’ difficile ma poi l’ho fatto, su consiglio di tanti e… effettivamente serve, e tanto!!!

  • Francesca

    1) mi piacciono davvero molto le tue foto, complimenti (una volta ho commentato negativamente i tuoi selfies su instagram, e ho smesso di seguirti: mi spiace perdermi il tuo punto di vista lì, ma pace…), 2) questo Irista sembra una figata, io uso dropbox, ma per le foto effettivamente sentivo la mancanza di qualcosa di più appositamente strutturato, mi sono iscritta 3) ho visto che in passato hai esplicitato bene qualche post sponsorizzato, per cui ti chiedo: lo fai sempre? In caso contrario, …potresti farlo? 😉 Mi piace saperlo, mi sembra corretto, pur non avendo nulla contro i post sponsorizzati, anzi. 4) ciao, buona giornata!

    • Ciao Francesca,
      ti rispondo:
      1) peccato! ti stai perdendo un sacco di belle foto di Londra e di altre destinazioni 🙂
      2) bene! fammi sapere come ti trovi
      3) per alcuni post in cui è evidente che il post sia sponsorizzato non ho sentito il bisogno di esplicitarlo mentre quando il contenuto è più editoriale lo scrivo sempre.

  • elena

    ma perche’ non usi flickr che ti da gratis 1 Tb (cioe’ 100 volte piu’ di irista) ?

    • eh… è una buona domanda. credo perché Flickr è social, quindi basta sbagliare un setting e la foto diventa pubblica, mentre Irista non è social quindi le foto che carichi le “rischi” di vedere tu e basta.

  • Claire

    Un ottimo consiglio!
    Thanks!