Tutte le cose che vorrei dirti.

Vorrei dirti che nella vita le cose diventano difficili prima di essere facili. E non diventano nemmeno realmente facili: sei tu che diventi più brava…

Il mercato, su Canon Irista

Life ·
London Farmers Market

Sì, anche a Londra, con i suoi pomodori pallidi, le sue ciliegie microscopiche, i suoi meloni insapori e quelle zucchine romanesche che proprio non si trovano, cresce della bella frutta e verdura. E sì, i coltivatori diretti fanno il loro mercato, così come a Roma e in tante altre città italiane.

Noi ne abbiamo uno vicino casa e spesso, il Sabato mattina, andiamo a fare una spesa ancora sporca di terra, entusiasmandoci quando la stagionalità permette i colori, cercando di sfruttare al massimo la poca varietà invernale, familiarizzando con carote viola e parsnip (pastinaca), che ho scoperto di adorare, specialmente se fatta al forno le carote, condita con sale olio e miele.

IMG_7785p.jpgIMG_7797p.jpgIMG_7815p.jpg

E quindi eccoci qui, una mattina del weekend, il sole che filtra dagli alberi del parco e un po’ di vento, le borsone da riempire con la verdura fresca e la fantasia di qualche piatto speciale.
IMG_7834p.jpgIMG_7810p.jpgIMG_7837p.jpgIMG_7791p.jpg

Queste foto sono state caricate tramite Canon Irista.

Ve ne avevo già parlato in questo post,  raccontandovi di come su Irista sia possibile conservare tutte le vostre foto come su un album virtuale. Una volta caricate le foto si possono poi  ovviamente riscaricare sul proprio computer o sfogliare come in un album virtuale, organizzate per tag, per luogo o per album.

La cosa che mi piace di Irista è che NON è un social network, ovvero non si è connessi agli altri utenti e le foto sono totalmente private, solo voi potete vederle. A voi poi la scelta di condividerle, su Facebook o su Flickr. In entrambi i casi su Irista potete tenere traccia dei like e dei commenti e ‘richiamare’ la foto se decidete di non volerla più tenere su quel social network. In questi giorni ad esempio su Facebook state vedendo il mio [#irista photo diary] e condivido qualche foto ogni tanto direttamente dal sito.

IMG_7829p.jpgIMG_7825p.jpgIMG_7809p.jpgIMG_7820p.jpg

Essendo pensato anche per i fotografi professionisti, Irista tiene traccia dei dati EXIF delle foto, ovvero tutte le informazioni della vostra fotocamera riguardo al vostro scatto come ad esempio obiettivo usato, ISO, tempi, apertura etc. In questo modo potete controllare quali settaggi hanno le vostre foto migliori e cosa avete sbagliato in quelle scure, mosse o sovraesposte.Dati exif Irista Canon

In questa foto ad esempio mi sono accorta che avrei potuto abbassare gli ISO a 200 e scattare con una minore velocità di otturazione, anche se era una giornata incerta e nuvoloni grigi si alternavano al sole, cambiando la luce all’improvviso. Nonostante questo sono piuttosto soddisfatta del risultato 🙂

Irista Canon dati exif

Al momento sto usando Irista per due scopi: il primo è archiviare in modo sicuro tutte le foto che scatto per il blog. No, certo, bellissimo tenerle, però ad esempio dieci foto di carote, più dieci di mele, più dieci di cavolfiori – moltiplicate questo per tutto ciò che vedete su questo blog – non è esattamente l’album di famiglia che voglio tenere sempre con me sul pc, anzi: troppe foto mi rubano spazio e me lo rallentano tantissimo.

L’altro scopo è quello di cui vi ho già parlato, ovvero archiviare le foto più belle di Viola e poi poter accedere a questi album da qualsiasi parte del mondo, specialmente quando sono in Italia e i parenti vogliono vedere qualcosa della nostra vita londinese.
IMG_7848p.jpgIMG_7851p.jpgIMG_7858p.jpg

Mi sto trovando molto bene. Al momento non ho ancora terminato l’offerta base, gratuita, di 10 GB. Una volta esaurita quella posso comunque scegliere di aumentarla, pagando una piccola cifra mensile, a 50 o 100 GB.

Se anche voi volete provare Canon Irista potete iscrivervi qui.

 

canonfotolondramercato

Commenti