Il mio 2014, guardandomi indietro.

Life · · 22 commenti

Non so bene come definire questo anno quasi-appena-tutto finito. Non è stato faticoso come il 2013, né esplorativo come il 2012 e nemmeno spensierato come tanti anni passati. Molto passati.

Però ha avuto un suo senso, un suo perché del quale mi rendo conto solo guardandomi indietro. E’ stato un anno in cui ho capito determinati meccanismi che mi tengono ferma su certe cose. Alcuni sono riuscita a sbloccarli faticosamente, sulla maggior parte ci sto ancora lavorando ma almeno li ho RICONOSCIUTI. Ecco, è stato l’anno della CONSAPEVOLEZZA su tante cose, fine a sé stessa quanto può essere. Per ora è ancora una consapevolezza a fine lamento-autoflagellazione, ma ho la speranza che nel 2015 diventi CAMBIAMENTO.

Mi arriva addosso da tutte le parti, questa ispirazione al cambiamento. Da amici, da conoscenti, da libri, da attività, da incontri. E’ come se mi fosse lì a portata di mano aspettando che io lo colga.

Fra i tratti principali della filosofia che vorrei adottare rientra la gratitudine. ‘Non è la felicità che porta la gratitudine ma la gratitudine che porta la felicità.” E quindi ecco una retrospettiva di tutte le cose fatte nell’anno passato. Cose di cui sono GRATA e cose di cui sono meno grata, ma che in generale sono state esperienze.

GENNAIO

Trascorro Capodanno in una Roma a dir poco poetica poi, travolta da un’ondata di buoni propositi di stampo artistico e ispirata da vari show visti a Londra rimetto piede dopo tipo dieci anni ad una lezione di danza, ai Pineapple Studios di Londra. Il risultato è tragicomico e finisco per raccogliere i resti della mia dignità ma soprattutto delle mie scarpe. Incontro una delle mie scrittrici preferite, Margaret Mazzantini, alla quale faccio una bella intervista. Nel frattempo scopro che una ragazza spagnola ha fatto fortuna come blogger traducendo i miei post e parti del mio libro, tra cui cose affatto intime e personali tipo il racconto del mio parto o della mia vita di coppia post-nana, e mi incazzo.

Il post più letto: Una storia di plagio.

Vedi tutti i post di Gennaio.

FEBBRAIO

E’ un mese di scoperta ed esplorazioni. A Londra, quasi ogni weekend scelgo un quartiere o una zona dove non sono ancora stata e – Canon alla mano – la esploro in lungo e in largo, con un’entusiasmo che mi riscalda. Qui ad esempio vi ho portati con me a Columbia Road, qui a Dalston e qui a Stoke Newington. Inauguro la prima valigia dell’anno andando con le mie amiche Alessandra e Alice a Montecarlo, in un weekend girls-only ad alto tasso di confidenze e risate.

Il post più letto: 10 luoghi comuni sul cibo italiano + 1

Vedi tutti i post di Febbraio.

MARZO

Con un certo anticipo inizia la bella stagione, che durerà stranamente fino ad Ottobre. Noi ce la godiamo il più possibile all’aperto, tra passeggiate ad Hyde Park, pranzi ad Angel, e brunch a Soho, alla scoperta di parchi, angoli caratteristici, ristorantini, nuovi quartieri da esplorare. Cucino pancake a colazione e banana bread a merenda, impazzisco durante una cena, inauguro una nuova collaborazione con Gioia e cerco modi per conservare e condividere ricordi importanti.

Il post più letto: Come bruciare mille calorie in mezz’ora

Vedi tutti i post di Marzo.

APRILE

Tra i primi messaggi d’amore di Viola destinati non a me ma a un bambino e un meraviglioso corso di -mm, come definirlo? – ‘Costruzione di una storia’ che non è né scrittura creativa né di sceneggiatura ma piuttosto di vita, tenuto da quel genio di McKee, arrivo a Roma dove trascorro qualche giorno per Pasqua, tra un’overdose di carboidrati e l’altra. Con l’occasione visito la mostra di una delle mie eroine assolute, Frida Kahlo, alla quale dedico un post che spero appassioni anche voi.

Il post più letto: #beautyis, della bellezza.

Vedi tutti i post di Aprile.

 

MAGGIO

Se mi avessero detto che uno dei post più letti dell’intero 2014 sarebbe stata una ricetta avrei riso, e invece eccola qui: la ricetta delle Zucchine al forno superveloci di mia mamma, che si è guadagnata un posto di tutto rispetto tra i miei post più amati dell’anno. E per una buona ragione (se l’avete provata, lo sapete). In questo mese inauguro il nuovo design del blog, inclusa una nuova piattaforma di commenti (che ahimé me ne ha fatti perdere un po’ per strada), partecipo al Mammacheblog, inizio una nuova collaborazione con Jamie Mag e racconto della mia vita e dei miei giri per Londra (Brixton Market è bellissimo!) come sempre.

Il post più letto: (e che ve lo dico a fa) Le Zucchine Superveloci

Vedi tutti i post di Maggio.

GIUGNO

Un mese di viaggi, e tutti che iniziano per P: Polonia, Puglia e Portogallo. Qui trovate i post che raccontano il mio peregrinare in solitaria alla scoperta di una Polonia bellissima e creativa. Qui il mio weekend in Puglia insieme a Porpi e qui il viaggio in Portogallo, al quale ancora ripenso con un sorriso. Ah! E per non farci mancare nulla Viola fa anche il primo Saggio di Danza!

Il post più letto (e te credo, me so messa in bikini): GoldenPoint e una piscina che tocca il cielo

Vedi tutti i post di Giugno

LUGLIO

Dopo una notte brava sento di voler dedicare un post a questa triste verità: i bambini non rispettano l’hangover. Scopro dettagli più precisi sul rito dell’Afternoon tea londinese e li condivido con voi mentre pianifico le vacanze, che mi porteranno in terra Sarda con Viola, mia madre e mia sorella.

Il post più letto: Devo imparare a fare i conti con.

Vedi tutti i post di Luglio.

 

AGOSTO

Vi racconto le mie vacanze tra Sardegna e Maremma – 2, e non c’è molto da dire un po’ perché cerco di staccare e non incollarmi al computer ogni giorno e un po’ perché anche voi giustamente siete in vacanza. Eppure non vi risparmio dettagli sulla mia insonnia. Contenti, eh? 😀

Il post più letto: Mi piace leggere (d’estate)

Vedi tutti i post di Agosto.

SETTEMBRE

Inizio il mese con una delle mie solite riflessioni esistenziali e lo proseguo con la festa a tema Frozen per i sei anni di Viola. Mi inizio anche ad interessare un po’ di più ad un tema scottante come l’alimentazione, e lo faccio discutendo qualche libro dalla teoria impopolare. Partecipo per la prima volta come speaker e moderatrice alla Festa della Rete – ex Blogfest – dove, del tutto a sorpresa, mi aggiudico il secondo post come Miglior sito per genitori e bambini. Cade, come si dice, ‘a fagiuolo’ per certi pensieri che ho in testa da un po’: Crescere un figlioPerché non metto online le foto di mia figlia e Le 3 cose che direi a una neomamma.

Il post più letto: Perché non metto online le foto di mia figlia.

Vedi tutti i post di Settembre.

OTTOBRE

Inizio una bellissima collaborazione con Canon e inizio a raccontarvi molto anche per immagini, come questo weekend. Corro (anzi, cammino) per la prima volta una maratona di 5km: la Run or Dye, più per gli imperdibili selfie coperta di colore che per la corsa in sé. Con alti e bassi vi racconto come procede la mia vita a Londra, portandovi con me a spasso a South Kensington, ad ammirare l’installazione di papaveri rossi alla Tower of London e a vedere l’alba dalla collina di Parliament Hill.

Il post più letto: 5 destinazioni da visitare di nuovo.

Vedi tutti i post di Ottobre.

 

NOVEMBRE

Novembre è stato un mese pieno di magia: invitati da Elsa in persona, abbiamo trascorso un weekend a Disneyland Paris per l’inaugurazione della stagione Natalizia. Qui i video (uno e due) e qui i post di foto (uno e due).  Inizio anche i primi di una serie di post più ‘pratici’, dedicati a chi vuole aprire un blog ma anche a chi, come me, si barcamena quotidianamente nell’incubo-multitasking e qui vi racconto le strategie che vorrei seguire. Rifletto sulla mia infanzia paragonata a quella, tecnologica e a velocità supersonica, di mia figlia, ma anche sulle molteplici cose che siamo, e che forse non sempre sono comprese. Vi porto a Spitalfields Market con uno shooting diverso dal solito e cucino focaccia.

Il post più letto: Essere questo E ANCHE altro.

Vedi tutti i post di Novembre.

DICEMBRE

Un mese intenso e vario che, in attesa del Natale, inizia raccontandovi il mio compleanno. Proseguono i post pratici con 10 consigli per aprire un blog e si scatena una rovente discussione (rovente in senso di hot) sulle nostre cotte da telefilm, che evidentemente no, non si sono fermate a Dylan o Brandon. Forse anche questo mi porta a riflettere su certe sensazioni travolgenti che mi piacerebbe provare di nuovo – o forse no. Il regalo del mio compleanno è riassunto in due post pieni di meravigliosa campagna Inglese: Natale in Hampshire e Come Jane Austen, fra castelli, prati verdissimi, camini scoppiettanti e atmosfere da romanzo. Infine vi racconto i 5 motivi per i quali vostro figlio non crede a Babbo Natale.

Il post più letto: Cronostoria delle mie cotte da telefilm.

Vedi tutti i post di Dicembre.

E non posso concludere che con un GRAZIE! Grazie di seguirmi, di leggermi, di farmi sentire i vostri pensieri commentando qui ma anche sugli altri social. Spero che il 2015 sia ancora più intenso e di poter condividere con voi ancora molto 🙂

 

Related Post

2014blogme

Commenti

  • anto

    un anno bello, vivo, interessante…ti auguro altrettanto x il 2015 ed oltre, auguri!

  • Elena Balzaretti

    Come è finita la storia di plagio?!

    • Non entro nei dettagli, diciamo la signorina Sarai Llamas ha capito MOLTO BENE il suo errore.

  • Che bello questo post! La cosa più bella è rendermi conto che non mi sono persa uno dei post che hai linkato e che, grossomodo, me li ricordo ancora tutti. Felice anno nuovo, Chiara! x

    • Che bellooo! Grazie Alice!

  • mirtilliepois

    Quanto è passato in fretta questo anno! rivivere il tuo mi ha fatto scorrere il mio in parallelo…
    Ora mi spiego anche perché a Torino quest’anno ci siamo persi l’estate: è andata a Londra ed è partita a marzo… ve la siete rubata tutta voi!!! 🙂
    Buon 2015 e grazie!

    • Ahaha oddio… vieni a Londra!

      • mirtilliepois

        Arrivo domani!! 🙂 e il tuo blog è stato di grande aiuto!!!

  • Che bello! E’ stato proprio un anno vivace e colorato e ti auguro un 2015 ancora più sbrilluzzicoso. Invidio il tuo viaggiare, ma di un’invidia buona… Io, incollata ad una scrivania che odio, vivo piccole pause di dolcezza leggendo il tuo blog. Grazie di cuore, buona fine e splendido inizio!

    • Grazie a te Cristina!

  • Sascha

    Ti auguro un 2015 fantastico! Sascha

  • Un anno intenso, non c’è che dire!! E l’augurio che ti faccio è che il prossimo lo sia ancora di più: AD MAIORA!

    Un bacione!

    Life, Laugh, Love and Lulu

  • buon 2015, Chiara 🙂

  • è carino che gli anni di blogging che hai alle spalle corrispondano più o meno con l’età di Viola… Ps: nella foto tra le vigne sembri un’alltra persona! sempre carinissima..cmq!! in bocca al lupo per tutto e un buon anno nuovo ricco di simpatici post!

  • Sara Macchini

    Entrerò nel 2015 diventando mamma ad aprile …con un pò meno paure grazie al tuo libro scoperto casualmente tra gli scaffali della Feltrinelli. Buon anno a te e alla tua nana

  • il filo di arianna 13

    buon 2015 ciao

  • Julia

    Buffo! Tu hai ripercorso il tuo anno. Io, in questi giorni di pausa e relax, ho ripercorso il tuo blog. E ho di nuovo riso, pianto, provato nostalgia per i tuoi divertentissimi post da neo mamma, ridivorato i tuoi fotopost di viaggi, empatizzato con i tuoi cambiamenti. E ho rivissuto, in parallelo, la mia vita. Ricordandomi che quando tu diventavi mamma, aggiungendo un membro alla tua famiglia, io attraversavo un buio periodo della mia vita dovendo imparare a ritrovare un equilibrio nella mia di famiglia che si vedeva portare via un pezzo. Che quando ti trasferivi a Londra, mi laureavo e mi si aprivano infinite strade. Che quando raccontavi del tuo viaggio a Cuba, mi rifugiavo nella calorosa Spagna, tra le braccia della mia migliore amica per rimettere insieme i pezzi di una vita che mi sembrava andare allo sfascio e incontravo quello che ora è l’uomo che amo. E ora, pian piano sembra che i pezzi vadano a mettersi al loro posto e chissà quanto e se questo durerà. E riflettevo su quanto sia incredibile come tutti noi, pur avendo vite, sogni paure e desideri completamente diversi, alla fine della giostra abbiamo delle sensazioni così tremendamente simili. Ed è bello quando qualcuno (tu, nello specifico) riesce a metterle nero su bianco. E niente. Tutto questo perché mi sentivo di dirti grazie.
    E augurarti un anno strepitoso e pieno (:

  • Kalheesi

    Ciao Chiara!!
    grazie per avermi tenuto compagnia anche durante questo 2014, per avermi fatto riflettere, ridere, emozionare, reagire, viaggiare, scoprire nuovi libri, luoghi, iniziative, e ottimi posti in cui mangiare 🙂
    Non vedo l’ora di leggerti anche quest’anno, in bocca al lupo per tutto!
    un abbraccio e augurissimiiiiii!

  • Mille calorie in mezz’ora?!!? per un attimo ci avevamo creduto ! noi saremmo arrivate SOLO con il pranzo ! 😀