Winter Wonderland con Canon Irista

London · · 7 commenti

Sono arrivata a Roma. La prima cosa che ha detto mia madre è stata: “ho surgelato due lasagne e, tieni: ti ho scaldato le pizzette per l’aperitivo. Prendi anche del vino!” Si prevede un Natale grassissimo, godurioso e vizioso e un post Natale di lacrime e locomozione per rotolamento. Su Twitter ho già inaugurato l’hashtag #Nataleacasadimamma, così, se volete sentirvi un po’ gonfi anche voi. Intanto Viola ha pensato bene di rompersi un dito – frattura scomposta – ieri pomeriggio, e siamo in giro tra lastre e medici che è un piacere (no, non lo è). Ma di questo vi racconterò meglio domani perché merita un post a parte e anche un esaurimento a parte.

Ma intanto volevo farvi vedere un ultimo post sulla meraviglia del Natale a Londra e lo faccio mostrandovi una delle fiere (o market) di Natale più popolari: Winter Wonderland.
Winter Wonderland
Avendo chiesto a Babbo Natale un computer con 10 Terabyte di memoria ma avendo egli – come si dice a Roma – traccheggiato (romano: tergiversare, temporeggiare), anche queste foto sono state caricate sul mio archivio di Canon Irista – God bless Irista – e da qui condivise su Flickr, su Facebook e infine qui sul blog.
Winter Wonderland candiesWinter Wonderland carouselWinter Wonderland Carousel

Vi avevo già parlato (qui e qui) di Irista, un sistema di archiviazione online delle vostre fotografie. Per me è un modo comodissimo di avere le foto che voglio pubblicare sul blog sempre a disposizione, infatti in questo caso l’hard disk esterno dove solitamente archivio le immagini è rimasto a Londra e su Irista ho messo tutti gli scatti che pensavo mi sarebbero serviti per i post che avrei scritto a Roma. Un’altra cosa carina che ho fatto è stata creare una Gallery apposta per le foto di Viola, quelle da mostrare ai parenti. E non giro col computer ma semplicemente con l’iPad o con la mia password di Irista. Posso collegarmi da casa loro, sul loro computer, ed è come se avessi inviato tonnellate di foto direttamente a loro. Possiamo anche scaricarle in alta qualità, così possono stamparle e incorniciarle, se vogliono. Un modo comodo e veloce per condividere un album virtuale. Parlavo appunto delle Gallery, che si possono creare su Irista raggruppando foto appartenenti ad un evento o a un tema,  ad esempio questo caso ho condiviso l’intera Gallery di Christmas in London (potete vederla qui su Flickr) e ho selezionato alcune delle foto da pubblicare. Ma c’è di più.

Winter WonderlandWinter Wonderland

Su Irista esiste Memento. Si tratta di una selezione delle vostre foto in base a criteri ‘scelti’ da Irista, che possono essere relativi alla condivisione delle foto, alle foto più viste o anche ad alcune caratteristiche estetiche o tecniche delle stesse. La cosa più bella è che ogni volta che vi collegate ad Irista e cliccate sull’opzione Memento, questa comporrà per voi una gallery alla quale forse non avreste mai pensato.

memento

Questa ad esempio è una gallery proposta sulla base delle mie foto più condivise e apprezzate da me o dai miei contatti social: memento2

Insomma, arrivata a questo punto, con tutte le foto che scatto, senza un doppio sistema hard disk esterno + Irista mi sentirei un po’ perduta.

Torniamo a Winter Wonderland. Si tratta di uno dei Christmas Market/parco divertimenti più grandi e gettonati di Londra. Occupa un’ampia zona di Hyde Park ed è tra le mete preferite durante un pomeriggio di Dicembre. Di solito fa piuttosto freddo, quindi la prima cosa da fare è attaccarsi ad un bicchiere di Mulled Wine 🙂 e poi perdersi tra il mercatino natalizio in stile Nordeuropeo e attrazioni come giostre, pattinaggio sul ghiaccio, Circo, spettacoli e altro. E’ MOLTO incasinato quindi preparatevi: nervi saldi e se possibile biglietti prenotati in anticipo, specie per le attrazioni più importanti.

Winter Wonderland RideWinter Wonderland Cotton CandyWinter Wonderland candiesWinter Wonderland

Non ne uscirete storditi da luci e canzoni natalizie, ma anche dal profumo di cibo: non mancano i Beer Garden (garden fino a un certo punto) in stile tedesco, e ovviamente gli hot dog, insieme a zucchero filato, mele candite, dolcetti, pretzel e altre specialità ad alto tasso di zuccheri e carboidrati.

L’atmosfera è incasinata, pacchiana, luminosa, dolce, brillante, e credo sia un’esperienza da fare a Londra almeno una volta nella vita. E per finire, un giro di ruota panoramica su Hyde Park illuminato.

Winter WonderlandWinter Wonderland

 

Spero di avervi mostrato una Londra un po’ diversa dal solito e di avervi incuriosito riguardo a Canon Irista.

Potete registrarvi per avere il vostro archivio qui. Fino a 10 GB è completamente gratuito, dopo è possibile acquistare pacchetti da 50 o 100 GB. Lo trovo ad esempio un regalo perfetto per un amico, parente o fidanzato che scatta molte foto oppure è appassionato di fotografia. Un regalo anche da fare last minute in questo esatto momento, ovviamente 🙂

Qui un video che ti spiega come funziona Irista.

 

Related Post

canonfotoiristalondranatale

Commenti

  • Mi hai quasi convinta con questo Irista, Chiara! 😀
    10GB di foto li riempio come niente, ma dopo aver perso parecchie cose a causa di un virus + hard disk esterno troppo pieno…I need help!

    • Ti capisco, ah, se ti capisco! Io ho scoperto in ritardo che il mio Mac per fare spazio a tutto quello che caricavo pian piano si stava ‘mangiando’ l’archivio più vecchio e ho perso tantissime foto di quando ero GGiovane. Se lo provi fammi sapere come ti sei trovata.

      • ciccio

        eh???
        ma di che cosa stai parlando???

        comunque mi sa che per il computer con 10 Tb di MEMORIA bisogna aspettare un 200-300 anni. Al momento quelli superprofessionali hanno 64 GIGA!!

  • Sara

    capisco che vada bene per la condivisione ma per l’archiviazione sono un po’ scettica. Quando uno ha finito lo spazio deve comunque archiviare su qualche hard disk.

    • In realtò io lo uso meno per la condivisione e più per l’archiviazione proprio perché non è un social e le foto, salvo appunto condividerle, le puoi vedere solo e soltanto tu. Uso comunque anche un hard disk esterno (anzi due) per eccesso di prudenza 🙂

  • Ciao Massimiliano, dipende molto. In alcuni casi lo sponsor non richiede ‘spiegazioni’, ovvero è un brand che uso e si integra in un racconto del mio blog, oppure che mi ispira delle riflessioni e degli spunti. In altri casi, come questo, dovendo spiegare le caratteristiche tecniche di un servizio, mi sembra più chiaro farlo con un linguaggio semplice e diretto. Per questo post ho scelto che siano più che altro le foto a parlare 🙂

  • Pingback: Sistemas Pos Winter Wonderland | Actual Percentil()