Io, che sto organizzando una mostra.

locandina_long

E’ un periodo strano, e anche molto bello.
Mentre scrivo sono nel vagone di un treno che questa mattina all’alba dalla stazione di King’s Cross è partito per Edimburgo. Scozia. Avevo in mente di tornarci da molto tempo, voglia che anche la visione compulsiva di Outlander ha contribuito ad accrescere non poco. Niente castelli e brughiere per me, questa volta, ma un’esperienza nella meravigliosa città scozzese a scoprirne luoghi e tradizioni, come quella del gin.
Continuo ad avere in me due anime: quella familiare, che ogni volta che chiude una valigia si sente un po’ in colpa (più per il giudizio della società ‘mamma-stai-a-casa’ che ho interiorizzato che per il mio personale giudizio, è solo che scinderli è complicato e si tende a sovrapporli) – e quella avventuriera, che una volta fuori sente il brivido della novità e muore dalla voglia di sperimentare, esplorare, collezionare meraviglie. Mi sento molto fortunata a poter fare entrambe le cose. Infilarmi nelle coperte con Viola a leggere una storia il lunedì, prendere un treno il martedì, programmare una mostra il mercoledì.

Ah, la mostra.
Di tutte le cose nuove che ho fatto, questa è la più nuova e tra le più eccitanti.

backstage2Non so se avete già visto il post su Facebook ma, mentre mi leggete, là fuori dodici artisti stanno lavorando ad altrettante opere d’arte ispirate al mio romanzo ‘Da qualche parte nel mondo’ usando una copia del libro come tela.

Stanno leggendo la mia storia e filtrandola con il loro sentire, con il loro talento, e creando qualcosa di unico. Per me è un onore e un’emozione incredibile. Ho visto già alcune opere ed è un colpo al cuore ammirare questo incrocio di arti e pensieri prendere vita.

backstage3

E’ con estremo orgoglio che oggi vi annuncio il BOOK ART PROJECT, che sarà una mostra online, su un sito dedicato che vi presenterò presto, ma anche fisica:
dal 26 al 30 Novembre a Roma, nel prestigioso Spazio Cerere.

Se quindi siete a Roma, siete invitantissimi sia all’opening, il 26 Novembre alle 18.30, sia ovviamente durante uno degli altri giorni. Il 27 ad esempio ci sarà una presentazione del mio libro e il sabato 28 pomeriggio un laboratorio per bambini – il programma completo arriverà prestissimo.
Io e la mia ‘socia’ nel progetto, la curatrice Susanna Bianchini, saremo lì praticamente tutto il tempo quindi se volete passare anche solo per un saluto siete i benvenuti.
Se poi volete acquistare una delle opere tanto meglio, perché lo farete per un nobile scopo.
L’intero progetto è a supporto di Medici Senza Frontiere e della loro campagna #milionidipassi, in soccorso delle popolazioni migranti. Ne abbiamo visti troppi, di corpi riversi sulla spiaggia, tra le onde. Di sguardi disperati. Di gente ammassata ai confini. Di zainetti a galla.
Le opere saranno in vendita sia online che durante la mostra romana, e il 100% dei proventi sarà destinato a MSF.
Vi darò più informazioni prestissimo, vi presenterò gli artisti e le loro opere. C’è un mix fantastico di fine art, street art, conceptual, tattoo art. Un mix meraviglioso e – breaking news – qualcuno ha persino ritratto Lara! In queste foto qualche immagine del lavoro degli artisti…

backstage1

E’ per me davvero bello vedere come diversi media stanno interpretando il mio libro, prima il video mood che vi ho presentato ieri, poi queste opere. Manca solo la fan art e stiamo a posto (haha..adorerei!).
Spero di non sembrare troppo esaltata, ma la verità è che lo sono! Stanno nascendo tantissime cose belle attorno a questo libro e questo mi dà una carica incredibile.
Se poi con queste iniziative riesco nel mio piccolo a promuovere realtà come Medici Senza Frontiere e dare loro un contributo, ecco questo mi rende ancora più felice.
Seguite la mia pagina Facebook per aggiornamenti e, sui social, l’hashtag #bookartproject dove sia io che gli artisti posteremo immagini del ‘backstage’.

Torno all’editing di un video, a un caffè ormai freddo, ad un paesaggio brumoso e verdissimo che vedo dal finestrino e alla bella e misteriosa Edimburgo. Se vi va di seguire il mio viaggio, ovviamente, troverete i miei live update su tutti i social. Intanto: grazie! Per seguirmi, per supportare i miei progetti e sopportare me, per essere sempre di ispirazione e… per venire a salutarmi a Roma. Perché verrete, vero?
:)

Related Post

Commenti

  • Alessandra

    Stavolta vorrei davvero riuscire a venire, magari nella giornata di laboratorio per i bambini, così porto la mia bambina…Buon viaggio Chiara, sei un portento e mi sei d’ ispirazione perchè hai sempre creduto nei tuoi sogni….

    • Grazie di cuore Alessandra!

  • Mella

    Si si ci sarò o almeno farò di tutto per esserci. Mi piacerebbe portare mia figlia al laboratorio. Aspetto maggiori dettagli per organizzarmi al meglio!

    Ho letto il tuo libro in apnea, lo leggevo con tale voracità che a volte mi sembrava di inciampare nelle parole, volevo sapere , volevo conoscere, volevo emozionarmi.

    Ho riso, ho pianto, ho sottolineato, ho detto tante volte a me stessa : “vedi non sono la sola” .

    Ognuno di noi dovrebbe sentirsi almeno una volta nella vita una sirena e avere qualcuno che semplicemente inizia a riempirti la vasca.

    Grazie
    Marcella

    • Grazie a te Marcella. E’ vero, anche io avrei tanto voluto/vorrei incontrare il mio Elio…

  • Jessi

    Mi sento molto fortunata a poter fare entrambe le cose. Infilarmi nelle coperte con Viola a leggere una storia il lunedì, prendere un treno il martedì, programmare una mostra il mercoledì…
    ALTROCHE’ ….
    ma forse non è solo fortuna.
    il fatto è che se uno sente di essere un individuo che esiste in sé, per quello che desidera, per quello che sogna, per quello che fa, per le decisioni che prende autonomamente …. e non perchè dipende da qualcuno (o qualcosa, fosse anche soltanto il giudizio altrui) allora può essere la MAMMASTAIACASA, l’AVVENTURIERA, qualunque cosa…..

  • Claire

    L’idea del Book Art Project è sensazionale!
    Il fatto che poi i proventi vadano a MSF ti fa davvero onore, brava Chiara che usi i riflettori per una buona causa.
    La realtà dei migranti è davvero dura e spesso se ne parla senza avere cognizione di causa.
    Sono volontaria nel centro di accoglienza di Roma e vederli arrivare da Lampedusa con i volti persi e gli occhi vuoti è un’esperienza terrificante per noi volontari, figurati per loro.
    Tutto diventa improvvisamente relativo, soprattutto quelli che possono sembrare problemi ma che a confronto sono inezie.
    Se qualcuno è interessato, ne parlo anche sul mio blog.
    Ancora complimenti, se riesco faccio un salto all’esposizione.
    Kudos to you!

    • Claire, grazie della tua testimonianza. Immagino sia un lavoro che ti apre davvero gli occhi. Nel mio piccolo, volevo legare questa idea ad una causa benefica e tra le tante purtroppo tra cui si può ‘scegliere’ quella delle popolazioni migranti mi è sembrata un’emergenza impossibile da ignorare. Spero davvero che il nostro contributo possa fare una piccola differenza.

  • Federica Boraso

    Cavolo. Vorrei tanto essere a roma in quei giorni, farei la pazzia di venire, ma lavoro SEMPRE venerdí sabato e domenica. Che nervoso! So che dovrei essere grata x il mio contrattino a tempo determinato, ma DA QUALCHE PARTE NEL MONDO mi ha fatto battere il cuore cosí forte tanto da essere nella top 10 dei miei romanzi preferiti e vorrei tanto vederla di persona. Soprattutto sarebbe bello conoscerti, dopo tanti anni che “ti leggo”!!!
    Comunque in bocca al lupo x tutto. E non ti preoccupare, anche per me guardare outlander fa venire voglia di andare in scozia, non solo x il paesaggio ma anche nella speranza di trovare uno come Jamie!!! :)

    • Crepissimo! Grazie tante Federica, sono davvero felicissima che il mio romanzo ti abbia emozionata. Sarà per il prossimo incontro allora :)

  • Anna Rita

    Sei brava davvero e tutte queste cose belle te le meriti e le ottieni grazie al tuo entusiasmo. Cercherò di esserci per la mostra a Roma :) Annarita

    • Grazie di cuore Annarita!

  • Sara Fedeli

    Ahah! Alla fine Outlander ti è piaciuto!! Meno male, te lo avevo consigliato su Periscope ma mi avevi detto che non ti attirava molto… e invece! Impossibile resistere a Jamie!

    • Io sono Claire dipendente ormai! E’ un personaggio che adoro :)

  • :)

  • Grazie di cuore Patrizia!