La magia di Edimburgo

Life Travel UK · · 13 commenti
edinburgh66

Come sapete se mi seguite da un po’, quando era piccola Viola non dormiva. Mai. Ecco perché, adesso, per farmi svegliare prima dell’alba c’è un solo e unico modo: farmi viaggiare. Dal piumone alla porta di casa in 10 minuti solo se poi ho il trolley in mano e la destinazione è un eccitante ‘altrove’. In un nebbioso Martedì mattina, mentre il cielo di Londra era ancora buio, sono andata alla stazione di King’s Cross per iniziare un viaggio di tre giorni nella splendida Edinburgo.

La Scozia mi affascina moltissimo. Saranno le immagini di praterie verdissime e scogliere selvagge, i castelli e le leggende, le highlands o semplicemente aver visto qualche episodio di Outlander di troppo (:D), ma resta una delle zone della Gran Bretagna che vorrei esplorare meglio.
edinburgh6871B1D9D5-81A9-4F80-91EA-8246FE278167
Questa volta l’occasione è arrivata come invito da parte dello Sheraton Grand Hotel & Spa a scoprire la città di Edimburgo e la sua tradizione del Gin. Prendete un caffè o un tè caldo (o un G&T?), fate una pausa dal lavoro e tuffatevi in questo racconto di viaggio pienissimo di foto. Se non lo avete ancora visto su Youtube, alla fine del post troverete anche il vlog dei tre giorni.
Iniziamo!
Dopo ben 4 ore di treno, che non disdegno affatto perché viaggiare in treno mi rilassa un sacco, io e le altre due blogger – Lela ed Ellie – siamo arrivate allo Sheraton. Prima tappa: posare il trolley nella stanza, che era veramente splendida: grande, luminosa, arredata benissimo, confortevole e con un letto king size che vabbè… goduria pura.
3 days in Edinburgh - an amazing trip discovering Scotland capital.edinburgh2
Nonostante un appuntamento dopo appena 45 minuti, sono rimasta in camera il tempo di scattare due foto perché Edimburgo era proprio lì, a due passi, e non volevo perdermela per nulla al mondo. La luce era stupenda: un mix tra raggi del sole e nebbia. Unitela all’architettura medievale della città, e otterrete un mix tra Narnia e Hogwarts.
edinburgh3edinburgh4edinburgh5
Sono tornata allo Sheraton giusto in tempo per il nostro appuntamento: un Afternoon Tea. Ogni volta che penso all’afternoon tea, la mente si ricollega ad immagini in stile Marie-Antoinette e non solo per il mio sfrenato amore per il film della Coppola ma perché è effettivamente così. Se non siete familiari con il rito dell’afternoon tea leggete questo post. Torrette di cibo bellissimo e delizioso, tè caldi, cocktail colorati, pasticcini che sembrano opere d’arte e un’atmosfera completamente rilassata e gaudente.
edinburgh7edinburgh6
E poi il nome: Orchard Afternoon Tea. Sa assolutamente di delizioso. Abbiamo iniziato con un cocktail a base di Gin chiamato Secret Garden ce proseguito con té nero, sandwich, pasticcini e scones caldi con marmellata e clotted cream. Nel frattempo tra una chiacchiera e l’altra ho iniziato a conoscere meglio le mie compagne di viaggio Ellie e Lela e sono bastate poche frasi a capire che saremmo andate molto, molto d’accordo.
edinburgh57edinburgh10edinburgh8
Felici e satolle dopo il té, abbiamo deciso di dirigerci verso la zona della Old Town e del Royal Mile. A questo punto la nebbia, unita al violaceo del tramonto e alle luci accese della sera ha dato vita ad uno spettacolo di colori e atmosfera assolutamente unico.
edinburgh9edinburgh11
Il Royal Mile è il viale principale della Old Town. E’ il cuore di Edinburgo, il centro delle attività della città medievale. Un luogo che non è solo bellissimo e divertente da visitare, pieno di luoghi storici, ristoranti e negozietti per turisti, ma che nasconde anche molti segreti…
edinburgh13edinburgh12
La sera ci aspettava il One Square bar per un Gin tasting. Ok, ammetto la mia ignoranza in fatto di Gin. Ho bevuto diversi Gin&Tonic nella mia vita ma non mi sono mai fatta particolari domande riguardo al Gin. Per esempio, non sapevo che nasce dall’infusione di erbe botaniche: fino a 15 diverse tra cui spiccano cannella, anice, limone, lime, finocchio, coriandolo e molti altri. Qui in Scozia ci sono diverse distillerie, e lo stesso Sheraton Edinburgh in partnership con Pickering’s ha il suo gin: il One Square Gin.
edinburgh18
I cocktail erano deliziosi, e ho scoperto le differenze (di sapore e di profumo) fra diversi Gin.
edinburgh14edinburgh15
Con mio grande sollievo, visto che in UK la ‘cena liquida’ (aka solo alcolici e niente vino) non è rara, per completare l’esperienza abbiamo provato anche il menu Paired ovvero piccole porzioni di cibo abbinate ai drink che stavamo bevendo. Ancora sogno il curried roasted cauliflower con l’uvetta: delizioso.
edinburgh16
E che fai dopo una sveglia all’alba, quattro ore di treno, camminate varie e diversi gin? Ma esci, certamente! E infatti abbiamo trascorso la serata tra i bar di Edimburgo, quello che ho preferito si chiama The Devil’s Advocate.
edinburgh17
Il secondo giorno inizia con una visita alle distillerie Pickering’s, in particolare quella di Summerhall Distillery. Non avrei mai immaginato che a) ci fosse una distilleria di gin nel cuore di Edimburgo e b) che occupasse così poco spazio! E’ un piccolo gioiellino.
edinburgh19 edinburgh20
Questo significa in poche parole che, uhm, sì: abbiamo ricominciato a bere gin alle 10.30 di mattina. Brevemente, ecco come si fa il gin: si prende alcol al 96%, si mettono in infusione alcune di queste erbe e aromi naturali che vedete nei barattoli qui sotto, si fa bollire, si raccoglie la condensa e ciò che rimane dopo due giorni di riposo nelle taniche è gin. Cioè, velocissimo. Da zero a gin in due giorni secchi!
edinburgh21
Finito col gin – per ora – siamo stati trasportati in risciò in quello che è stato uno dei posti più affascinanti visti ad Edimburgo: il ristorante The Witchery.
edinburgh22 edinburgh23
Vicinissimo al castello, è un posto assolutamente magico. Atmosfera, luci, dettagli, tutto è perfetto. Non esiterei a raccomandarlo per un appuntamento romantico, o per una proposta di matrimonio. Con un bicchiere di champagne e una bottiglia di Riesling – sì, questo è stato il viaggio più alcolico di sempre – abbiamo brindato ad un pranzo eccellente, ad un viaggio splendido e all’ottima compagnia.
edinburgh24 edinburgh25
Se riuscite a visitare The Witchery, mi raccomando, ordinate l’anatra. E’ tanto bella quanto buona. E lasciate un po’ di spazio per i dolci, perché sono memorabili.

edinburgh26
Dopo un pranzo da Regine, era ora del castello. Visitare l’Edinburgh Castle è come entrare in un libro di fiabe, o in un capitolo di Harry Potter. Magico. Prendetevi del tempo per visitarlo perché è grande come un piccolo villaggio e ha diversi edifici. Ci sono anche i gioielli della corona, e meritano assolutamente una visita. Il panorama, che la nebbia impediva di godere appieno, è anch’esso meraviglioso.
edinburgh27 edinburgh28 edinburgh29 edinburgh30 edinburgh31edinburgh34
Adesso, prendete un respiro. Specie se, come me, siete fan di Harry Potter. Resterete senza fiato. Sapevo che qui ad Edimburgo si trova un café, The Elephant House. E’ meta di ‘pellegrinaggi’ da tutto il mondo, e non per caso: è qui infatti che J.K. Rowling ha scritto la saga di HP.
edinburgh35edinburgh58
Qui, madre single e disoccupata, che viveva con il sussidio statale, J.K. veniva ogni giorno. Ordinava un caffè americano, se lo faceva durare il più a lungo possibile, sedeva ad un tavolino (non uno specifico ma solitamente nel retro) e scriveva quella che, per quanto mi riguarda, è la storia più straordinaria che il nostro secolo abbia conosciuto. Una storia che parla di magia ma anche di vita, di dolore, perdita, solitudine, riscatto.
edinburgh40edinburgh42
E’ stato emozionante pensare che questo era il bancone dove ordinava il suo caffè ogni giorno, pensando ai suoi personaggi.
edinburgh41
Quanto questo luogo sia importante per i fan di J.K. Rowling si nota dalle toilette: le porte e le pareti sono piene di graffiti e scritte emozionate ed emozionanti.
edinburgh39edinburgh36  edinburgh38
Anche io ho lasciato una piccola traccia :)
edinburgh37
Ora, avete presente la meravigliosa lieve stanchezza da viaggio? Ecco: prima di cena l’ho spazzata via con un’ora di Spa, a mollo tra le bollicine dell’idromassaggio riscaldato all’aperto, guardando il cielo di Edinburgo dalla One Spa. Ho infilato un vestito e mi sono diretta al The Pass, una delle esperienze food più incredibili che io abbia mai avuto. Tanto per cominciare, si cena nella cucina degli chef.
edinburgh43
Nove portate, una più buona, unica e creativa dell’altra ci sono state preparate davanti con attenzione, maestria, gusto estetico. Abbiamo iniziato con un cocktail personalizzato prima di passare a piatti che definire belli è poco.
edinburgh44 edinburgh45 edinburgh46
Guardate i colori di questa mousse di rapa rossa!

edinburgh47
E che dire della spuma di Champagne con croccante al formaggio e frutti rossi?
edinburgh48
Il piatto più buono della cena è stato l’arrosto di cacciagione. Sapori così intensi, rotondi, morbidi da fare un applauso sincero allo chef.
edinburgh50
E proprio quando pensavamo di aver fatto male i conti perché il glorioso brownie arrivava come ottava portata… ci hanno chiesto di lasciare la sala per un momento: c’era una sorpresa da preparare.

edinburgh49
Sorpresa? Chiamiamoli fuochi d’artificio culinari. Opera d’arte commestibile. Perché quando siamo tornati, il piano di marmo era stato pulito e i due chef avevano accanto tante ciotole con dentro zuccherini, meringhe, cioccolato, sciroppi, spume.
edinburgh52
E hanno iniziato a dipingere il tavolo.
edinburgh53
edinburgh54
A poco a poco, strato dopo strato e ingrediente dopo ingrediente, hanno realizzato una tavolozza di colori con il cibo a loro disposizione.
edinburgh51
Solo quel capolavoro era da standing ovation, immaginate quando sono arrivati portando un uovo di cioccolato fondente che hanno lasciato cadere al centro dell’opera. Crack! Aprendosi, ha rivelato il suo contenuto di mousse, gelato e frutta. Non mi ero mai emozionata per il cibo prima di allora. E’ stato un incredibile mix di creatività, arte, spettacolo e bontà.
edinburgh55edinburgh56
Oh, e… ovviamente siamo uscite di nuovo, e questa volta di bar in bar siamo finite a ballare e poi non si sa bene come alle 5.30 di mattina alla lounge dell’hotel con un club sandwich davanti. L’ultima volta che ho fatto nottata è stato ERE fa, infatti nel video qui sotto potete vedere le due occhiaie che tento di mascherare con gli occhiali da sole, la mattina dopo, quando con circa mezz’ora di sonno alle spalle mi sono aggirata per la Grassmarket area.
edinburgh60edinburgh59  edinburgh61 edinburgh62edinburgh64
Una zona che vale la pena esplorare sia di giorno che di sera. Piena di negozietti, librerie, café e boutique vintage di giorno, affollata di giovani (ah, “I GIOVANI”) la sera.
edinburgh63  edinburgh65
La nostra ultima tappa è stato Mary King’s Close. E’ una strada che corre sotterranea, accanto al Royal Mile, ed è stata mantenuta come all’epoca per raccontare in un percorso oscuro e pieno di misteri, la Edimburgo del 16°-17° secolo, tra omicidi, vita quotidiana, povertà ed epidemie di peste. Se vi piacciono le storie di fantasmi, troverete qualcosa di interessante…
edinburgh67
Abbiamo pranzato al The Beer Kitchen prima di riprendere il treno per Londra. E’ stato un viaggio atipico, bellissimo e pieno di atmosfera. Spero davvero che riusciate a visitare Edimburgo, è una città con un carattere unico e l’atmosfera misteriosa ed elegante della Scozia. Personalmente, mi auguro di tornare qui presto, magari per visitare le Highlands. Intanto vi lascio con il video del viaggio, fatemi sapere cosa ne pensate!


Sono stata onsite del Sheraton Grand Hotel and Spa. Le opinioni espresse sono personali.

Related Post

Commenti

  • Stupendo l’angolo di J.K. Rowling :)

  • Jessica Rossi

    WOW WOW WOW… che bello!!!! Se penso a quello che sto facendo io e che non mi capiterà mai di ricevere un simile invito ho due alternative: affogare in una cioccolata calda o riguardare le foto (BELLE!!) con attenzione come se le avessi scattate io. Opto per la seconda perchè con ogni probabilità avrei indugiato sugli stessi particolari… a parte la povera anatra….

  • grazie per avermi fatto sognare <3 spero di tornarci davvero prestissimo e fare anche io un bel reportage 😀
    ps un paio di refusi, poi cancella pure questa parte del mio commento: "ma resta una delle zone dell’Inghilterra che vorrei esplorare meglio. – Gran Bretagna volevi dire :P"
    e poi sotto la foto della bottiglia di gin dello Sheraton è rimasto un pezzo in inglese.

    • Grazie Laura! Era un post così lungo e denso che a scriverlo in doppia lingua dopo un po’ mi si sono incrociati gli occhi 😀

      • figurati, immagino! bellissima esperienza 😀 a presto!

      • Giuseppe Vacca

        ciao chiara scusami se ti disturbo ho visto il tuo meraviglioso blog volevo chiederti un aiuto io avrei intenzione di fare la proposta di matrimonio alla mia ragazza me lo consigli il witchery? di sabato sera bisognerà prenotare? grazie dell’aiuto e scusami se ti ho disturbato e soprattutto grazie del tuo blog

  • Cristina

    Bellissimo questo racconto e le foto ancor di più! Ho visitato Edimburgo con la neve e siamo stati costretti a ripartire da Londra. Il viaggio in treno è stato tanto emozionante quanto le atmosfere di questa magica città. Abbiamo anche fatto un “tour dei cimiteri” di sera veramente spettacolare.

  • Dopo aver letto il racconto dei tuoi giri e bagordi posso solo dire che è uno sporco lavoro ma qualcuno lo deve pur fare! 😉
    E wow che bel video! Diventi sempre più brava!! L’unico difettuccio che ho trovato è che in qualche frame la musica è un po’ troppo alta rispetto alla tua voce e si fa un po’ fatica a seguire quello che dici (soprattutto se la canzone in sottofondo è cantata) ma niente che non puoi migliorare ancora! Brava! :-)

  • Giorgio Perulli

    Già pensavo che Edimburgo fosse bella……..grazie per questa condivisione.Spero di farci presto un salto e di usare le tue dritte

  • Io già stavo sull’aereo alla frase “un mix tra Narnia e Hogwarts” 😀
    Bellissimo reportage! Brava!

  • jessica rossi

    ho visto anche il video… non ho capito le parole (le lingue straniere sono fuori dalla mia portata…)… ma a che serve se vedi un piumone candido e caldo in cui ti avvolgeresti or ora…. l’acqua che si muove nella piscina della spa….

  • leggo sempre con piacere i post sui tuoi viaggi…sempre ben scritti e accompagnati con delle bellissime foto. Complimenti!

  • Calliope

    Ormai colleziono i tuoi post e consigli sparsi da un po’ è più che una vacanza in Uk spero che la mia diventerà un soggiorno a tempo indefinito 😉 colpa anche tua Chiara, che mi fai sognare e venire voglia di partire!