Tutte le cose che vorrei dirti.

Vorrei dirti che nella vita le cose diventano difficili prima di essere facili. E non diventano nemmeno realmente facili: sei […]

L’esperimento Vlogmas

Projects ·

Ho sempre avuto un sentimento di repulsione-attrazione per i vlog, ma spesso quest’ultima ha prevalso. E’ come se mi staccassi per un attimo dalla mia vita ed entrassi in quella di qualcun altro, non solo come scenario ma anche come punto di vista.
A Dicembre molte youtuber stanno facendo vlog ogni giorno: ‘Vlogmas’. Lo sto facendo anch’io, ma a modo mio. Il mio Vlogmas è un piccolo progetto video per la prima volta continuativo che ogni 4-5 giorni per tutto il mese di Dicembre vi racconti cosa succede nella mia vita con immagini e parole semplici – come farei con un’amica/o. Un video diario.

Nel farlo, sto imparando alcune cose che hanno sorpreso anche me stessa.

Mi piace fare i video.
E anche se a volte l’imbarazzo a volte ha la meglio, spesso mi trovo a mio agio davanti alla telecamera e mi diverto sinceramente. Mi piace pensare, realizzare ed editare video, anche se sto ancora imparando e so di essere una novellina al riguardo.

Non mi interessa apparire perfetta.

Guardando altri vlog, a quelle che si svegliano con la pelle di porcellana e lo sguardo fresco ho sempre preferito la rassicurante normalità di un’occhiaia selvaggia e di una massa di capelli annodati. E se prima mi chiedevo “puoi scegliere di farti vedere solo al meglio, perché fare questo a te stessa (spiattellare le occhiaie in video)?”, adesso ho un pensiero diverso al riguardo: finalmente siamo libere di fare un po’ come cazzo ci pare, testare i limiti di una libertà di immagine elastica che dal selfie photoshoppato si estende all’occhiaia bruta del mattino. Certo, magari poi non si estende oltre, ma c’è una certa liberazione nello stabilire i propri limiti secondo criteri assolutamente personali. E nel rivendicare la propria immagine, comunque.

A voi però interessa sentirmi raccontare.

Ho ricevuto un sacco di commenti positivi e incoraggianti a questi vlog, e mi fa davvero piacere. In molte mi avete chiesto di parlare di più e di fare video più lunghi. Abituata al testo, per me non è semplice capire cosa sia il giusto e cosa il troppo quando parliamo di conversazioni in video, ma è bello sapere che chi ti ascolta ti apprezza, e continuerebbe ad ascoltarti – anche perché nei vlog mi sentite parlare brevemente di cose normali e piuttosto banali, mentre in futuro mi piacerebbe fare dei video su tematiche (che mi riguardano da vicino) un po’ più complesse.

Velocità e qualità non vanno d’accordo.

E questo lo si sapeva da prima, ma mai come in questo esperimento – tutto girato e montato con iPhone – ho capito quanto conta la rapidità nel permetterti di fare e pubblicare video. Ad esempio: ho ancora giga e giga di footage da editare per alcuni video di viaggio, e per farlo dovrò attendere di svuotare un po’ il computer. Questi saranno di qualità incredibilmente peggiore e non permettono certo immagini suggestive, ma che bello poter ‘sfornare’ e caricare un video in mezza giornata!

Ho un sacco di video in mente.
Alcuni arriveranno presto, altri – più complessi – arriveranno quando me la sentirò. Uno in particolare è un video che sento molto di fare, ma ha una tematica molto forte e devo davvero aspettare che sia il momento giusto.

Intanto, di tutt’altro genere e molto molto leggeri, ecco i primi due vlog.

Questo è il primo, dove vi porto con me al centro di Londra, da Primark e a Oxford Street:

E questo il secondo, dove vi parlo della mia fitness routine e della mia girls night out:

Spero vi piacciano, e se ancora non vi siete iscritte al mio canale Youtube fatelo, arriverà molto di più 🙂

Related Post

videovlogyoutube

Commenti