5 must per sopravvivere al Capodanno coi bambini

Mummy · · 3 commenti
5 must per rendere facile e bello il capodanno con i bambini

Post in collaborazione con Netflix.

Uno dei post che fece più scalpore durante gli otto anni del mio blog, quello per cui le bulle della rete si sentirono in dovere di dirmi che ero una madre di merda e qualcuna, via mail, che avrei fatto meglio ad asportarmi le ovaie (testuali parole), fu questo.

Risale al primo Capodanno trascorso da mamma, in cui non avevo ancora per niente preso le misure con la mia nuova vita – se devo dirvelo, ricordo molto poco di quell’anno – e mi sentivo ancora dilaniata a metà tra la ragazza/donna che ero, e il genitore che improvvisamente ero diventata. A rileggerlo mi fa molta tenerezza, per come ero allora ma soprattutto per la brutale sincerità con la quale avevo ammesso online qualcosa di tanto scomodo, di tanto tabù e di molto poco ‘politically correct’.

Per fortuna sono passati diversi anni da quel giorno, e adesso fare Capodanno insieme a Viola è un must al quale non rinuncerei per nulla al mondo. Qualche giorno fa quindi, quando mi è arrivato da Netflix un piccolo kit per il Capodanno dei bambini, mi sono tornate in mente tantissime cose. Quel giorno, in primis, ma anche i successivi, quando le cose andavano molto meglio ma conciliare le esigenze dei piccoli con quelle dei grandi nella notte più lunga dell’anno diventava, come direbbe una canzone, dolcemente complicato.

Questo è un piccolo vademecum di sopravvivenza per il Capodanno coi bimbi, fatemi avere le vostre idee!

5 must per rendere facile e bello il capodanno con i bambini

Must n.1 – il mito del pisolino pomeridiano

Se i vostri bambini hanno meno di 3-4 anni, sarà normale per loro fare un’oretta o due di pisolino pomeridiano, ma potrebbero non riuscirci per l’emozione della serata imminente. Anche se siete voi ad ospitare gli amici e la casa è in fermento dalla mattina, il trucco è non caricare di eccessive aspettative i bambini – o meglio: farlo non appena si sono svegliati. ‘Dai, devi dormire che stasera si fa tardi, guardiamo i fuochi d’artificio, vengono gli amici’ NON E’ il metodo migliore per metterli nelle condizioni di rilassarsi e addormentarsi. Specie se sono piccolini, quindi, il mio consiglio è quello di comportarsi come se fosse una giornata normalissima con una cena da preparare, e solo dopo, a riposino avvenuto, annunciare in pompa magna la festa di Capodanno. Se sono più grandi e non abituati a dormire il pomeriggio, seguirei la stessa strategia e proverei a farli dormire almeno una mezz’ora nel primo pomeriggio. Niente panico se non ci riescono: rischiano di crollare comunque prima della mezzanotte 🙂

Must n.2 – a casa è meglio

Che sia casa vostra (sarebbe l’ideale) o casa di amici, quando si è con i bambini è molto più facile se hanno a disposizione un ambiente che conoscono e dove all’occorrenza possono riposare su un letto o un divano senza problemi. Un anno sono stata in una festa in agriturismo ma dopo aver tentato di far stare comoda Viola su due sedie accostate, ho rinunciato e l’ho fatta stendere su un divanetto in un’altra sala, dove però sono dovuta restare con lei tutto il tempo per non lasciarla sola in una zona di passaggio. Senza contare che a casa ad una certa ora i piccoli possono ‘pigiamarsi’ e continuare a festeggiare vestiti di morbido pile o ciniglia come orsetti.

5 must per rendere facile e bello il capodanno con i bambini

Must n.3 – le stelline

Non c’è Capodanno per bambini che si rispetti senza le stelline. E’ splendido (e sicuro) guardare i fuochi d’artificio dalla finestra o dal terrazzo, lo è decisamente meno improvvisarsi pirotecnici sul balcone. Le stelline invece mettono tutti d’accordo, nonché sono tra i props di Capodanno più fotogenici in assoluto. Andiamo: chi di voi non ha una foto da bambino con in mano una stellina? Ovviamente, occhio ai più piccoli e in generale all’uso che se ne fa.

Must n.4 – il baby-countdown

E’ inutile negarlo: se alcuni bambini saranno svegli come grilli fino alla mezzanotte ed oltre, altri li perderemo tra le braccia di Morfeo nel corso della serata. Assolutamente vietato svegliare i bambini per il brindisi o uno spettacolo di fuochi d’artificio, pena il tenersi in braccio un cosino assonnato che nemmeno riesce a tenere gli occhi aperti ma ha la zia a fianco che gli urla nell’orecchio ‘guarda amore, guarda i fuochi A ZIA’ (qui scatta la petizione per l’interdizione nell’uso del dativo ad appendice canina per genitori e parenti, ne parleremo un’altra volta). Lo hanno fatto una volta con me, ancora me lo ricordo perché mi sono riaddormentata sul pianerottolo. Per ovviare a tutto questo ma comunque festeggiare il Capodanno, durante la serata o – se proprio non volete anticiparlo – la mattina quando si svegliano è possibile fare un piccolo countdown ad hoc solo per i bimbi. A questo ha pensato Netflix con una genialata pazzesca che è il countdown on demand. Praticamente potete far partire in qualsiasi momento, la sera del 31 Dicembre, il countdown per il 2017, brindare coi vostri bimbi e poi metterli a letto mentre voi continuate la serata senza stressarli troppo.

Must n. 4 – lasciar dormire i genitori la mattina dopo

Io sono fortunata: ormai Viola è nell’età ‘datemi un iPad e vi solleverò il mondo lascerò dormire fino alle 11′. Questo funziona specialmente con i bimbi più grandi, che possono essere lasciati soli per qualche ora senza problemi (ovvero con i genitori nell’altra stanza da svegliare all’occorrenza). Con Viola faccio così: le preparo la colazione la sera prima – lei non beve latte caldo quindi non ho bisogno di scaldare nulla, voi al posto del latte potete lasciare un succo di frutta o una spremuta in frigo – e le lascio l’iPad in carica vicino al divano. Lei ha la sua playlist preferita di cartoni su Netflix, impostato sul suo profilo Viola quindi ristretto solo alla sezione Kids, e si guarda quelli senza il rischio che facendo zapping incappi in qualche contenuto non adatto a lei. Se ha bisogno ci chiama, altrimenti si vede un po’ di cartoni e ci lascia dormire.

Se vi serve un piccolo incoraggiamento, ecco un cartellino da attaccare alla porta 🙂

5 must per rendere facile e bello il capodanno con i bambini

Tra gli show che Viola adora e che vi consiglio: Trollhunters (per bimbi della sua età), Beat Bugs (per bimbi anche piccoli, con le canzoni dei Beatles), King Julien, Dragons (spin off di How to train your dragon), Skylander Academy e Ever After High, ma ce n’è davvero per tutti i gusti senza contare i film per bambini, Disney e non, che vi ho già elencato in questo post.

5 must per rendere facile e bello il capodanno con i bambini

E voi avete qualche trucchetto per rendere il Capodanno più facile con i bimbi?

 

 

Commenti

  • Ho riletto il tuo post passato e mi sono venute quasi le lacrime agli occhi: le sensazioni che hai descritto le ho risentite così vive, eppure le avevo rimosse! E come sempre hai scritto giusto tu, hai esposto in Maniera cruda ma ingenua quello che tutte le neomamme passano, ma è proprio questo secondo me il tuo punto di forza, quello che ti rende diversa. Tanti auguri di buon anno Chiara, complimenti per quello che fai e per come sei!

  • Silvia

    Ciao
    I Must sono tutti troppo veri …..
    MA nonostante li sappia tutti anche io (ho due bimbi di 4 e 2 anni) questo capodanno ci ho voluto provare…..Serata al mare nel ristorante dell’hotel che organizzava un fantastico cenone con parallela animazione X i bambini …..
    Beh….non è andata molto bene: nessuno dei due ha chiuso occhio nel riposino pomeridiano quindi ti lascio immaginare alle 20:30 sembravano indemoniati !!!!!
    Il piccolo continuava a voler andare in una zona di passaggio dei camerieri carichi di piatti X vedere nel soffitto (a suo dire) un fantomatico “pollo” , che vedeva solo lui….e guai a spostarsi da lì … pena pianti, urla
    Sono riuscita a spostarlo nella sala della animazione X bambini dove una povera ragazza di nome Carlotta giocava a calciobalilla con una serie di ragazzini
    Il mio piccolo ha adocchiato la pallina e ha deciso che la voleva a tutti i costi…. non ti dico la sceneggiata!
    Sono riuscita a spostarlo da lì prendendolo di peso mentre lui urlante e rigido come un baccalà scalciava e cercava di morsicarmi…
    A quel punto mi sono proprio incavolata e l’ho sgridato molto …non ti dico ancora peggio , le urla e i pianti all’ennesima potenza .
    La mia bimba di 4 anni mi seguiva poverina senza dire niente a quel punto si è messa a piangere anche lei e TUTTI che ci guardavano
    Basta : serata conclusa alle 21 in camera dell’hotel
    Poi però ci siamo fatti portare la cena in camera!?
    Ciao Chiara

  • maria pia

    Cara Chiara, sono andata a rileggere il vecchio post…. sono mamma da 15 mesi e, credimi, mi sono sentita anch’io così qualche volta…ricordo una sera in una affollatissima pizzeria che mi sono ritrovata da sola con la mia bimba vicino l’uscita ad aspettare che Lui e i nostri amici finissero di cenare per scappare via. Sono convinta che ogni mamma, anche quelle che lo hanno fortemente desiderato un figlio, si sentano così qualche volta, specie se non hanno amiche-mamme con cui confrontarsi o con cui condividere questi momentacci! E’ assolutamente normale, poi passa! Io per quest’anno ho preferito comunque passarlo a casa il Capodanno, coi nonni che hanno dato una grande mano 😉