Tre giorni a Stoccolma.

Svezia Travel · · 4 commenti

La mia prima volta a Stoccolma è stata anche la nostra prima volta.
Un piccolo viaggio family tutti insieme per scoprire una delle capitali nordiche più viva e vivace.

 

Ma cosa si fa in tre giorni a Stoccolma?

Oggi vi racconto il nostro itinerario, che vi consiglio perché tocca alcune delle zone più belle e interessanti, ma aggiungerò anche consigli sulle zone che non siamo riusciti a vedere e qualche tip su dove mangiare, dove fare shopping.

Pronti a partire per la capitale svedese?

 

Cosa vedere

1. La coloratissima città vecchia, Gamla Stan

 

La stereotipica immagine di Stoccolma è, in fondo, proprio questa: le casette colorate della piazza principale di Gamlastan. Isola piccola e centrale, facilmente raggiungibile con i traghetti da diverse parti della città. Qui potete fare un giro in stradine caratteristiche, Gamla Stan è infatti una dei centri storici medievali meglio conservati al mondo,  e perdervi tra i negozietti turistici. Qui si trova anche il Palazzo Reale e la Cattedrale di Stoccolma.

 

2. Un giro in barca sui canali

Stoccolma si snoda su ben 14 isole collegate da più di 50 ponti. Ci sono diversi tour in barca che percorrono i vari canali da un’isola all’altra. Noi abbiamo preso il Royal Canal Tour, che dura circa un’ora e tocca tutte le tappe principali. Molto bello specialmente in una giornata di sole.

 

3. Il Vasa Museum, la nave fantasma

Lo consiglierei a tutti quelli che visitano Stoccolma. Questo museo contiene un enorme galeone del 1600 affondato appena 20 minuti dopo il suo varo, e recuperato dalle acque in condizioni quasi perfette. L’unico conservato in questo stato in tutto il mondo. La sua bellezza lascia a bocca aperta, cosi come tutte le notizie della vita a bordo e gli oggetti di vita quotidiana appartenenti alla ciurma – metà della quale, ahimè, perse la vita.

 

4. Skansen, il museo storico dove respirare la Svezia antica

Questo parco ricostruisce un villaggio tradizionale svedese. Le sue casette colorate, i suoi negozi tradizionali ricostruiti nel dettaglio, i tanti café confortevoli dove gustare un tè e un dolce e le diverse bancarelle piene di manufatti e cibi tradizionali ne fanno un vero must. Noi abbiamo anche avuto la fortuna di andarci per le celebrazioni di Midsommer, trovando il famoso Maypole decorato attorno al quale si balla e si canta per la festa di mezza estate.

 

5. Fotografiska, il museo della fotografia… con vista!

Questo museo della fotografia si trova proprio sul canale. Oltre ad avere contenuti molto interessanti, ha un bar all’ultimo piano con una vista strepitosa!

 

6. Sodermalm e SoFo

Noi alloggiavamo proprio qui, a due passi della zona oggi soprannominata SoFo, centro bohémien, creativo e hipster della città. Qui si trovano tantissimi negozietti vintage e indipendenti, bar e posticini hipster dove fermarsi per un aperitivo o una cena.

 

Cosa non abbiamo visto per mancanza di tempo, ma che mi sarebbe piaciuto vedere:

Le stazioni artistiche della metro > ce ne sono alcune di stupende, guardate ad esempio quella di Stadion, con il suo famoso arcobaleno. Qui potete trovare l’elenco delle più belle.

Junibacken > il museo per bambini di Astrid – Pippi Calzelughe – Lindgren pare sia un vero mondo fatato. Avendo però poco tempo e anche poco interesse da parte di Viola, noi alla fine non ci siamo andati. Dicono però sia bellissimo!

Gröna Lund > il parco divertimenti che si trova sulla stessa isola di Skansen ha tantissime attrazioni, ma i suoi punti di forza sono senza dubbio le giostre altissime, che dominano le isole di Stoccolma. Scommetto che da lassù, tra adrenalina e visuale, l’emozione è indimenticabile. Potete vederle in questa foto:

Cosa assaggiare assolutamente a Stoccolma

Ovviamente, le polpette!

Piatto tipico nazionale, le polpette svedesi sono assolutamente deliziose. Vengono servite con pure di patate, sottaceti e un’immancabile salsina di ribes.

Kanelbullar & co.

I buns alla cannella svedesi sono buonissimi in qualsiasi momento della giornata. Di questi buns esiste anche la versione con semi di papavero.

Una Fika!

Eh lo so, il nome per noi è un po’ equivoco, ma la faccenda è seria: qui parliamo del supremo momento cozy dell’esistenza umana. Quello in cui, quando fuori fa freddo o freschino, ti chiudi in un café  pieno di candele e poltrone comode, e gusti qualcosa di caldo insieme a un dolce. Una pausa da tutto, per riconciliare col mondo.

Dove mangiare a Stoccolma

Mi ero segnata diversi ristoranti che avrei voluto visitare, ovviamente non sono riuscita a mangiare in tutti ma mi fa piacere condividere questa lista con voi!

 

Per colazione, brunch e fika:

Schweizer Café

Greasy Spoon

Nybrogatan38

Green Rabbit

Louie Louie

Kaffevertek

Saturnus (specializzato in mega cinnamon rolls)

 

Per cena:

Meatballs for the people

Gro

Bistro Bananas

Lilla Ego

Hermans

Oaxen

Woodstockholm

 

Dove dormire

Noi abbiamo dormito allo Scandic Malmen e ci siamo trovati bene.

Appena fuori SoFo, nella zona di Sodermalm, ben collegato e con stanze grandi e pulite.

 

Commenti

  • Arianna Viaggi

    finalmente il post su Stoccolma ? tra meno di due mesi sono là, è giunto il momento di stampare il tuo post e mettere mano alla guida… grazie ?

  • che bello vedere la mia cittá dagli occhi di una turista 🙂

  • Svea

    Le köttbullar (polpette di carne) non sono servite con il ribes, ma con i lingon, un frutto di bosco tipico della scandinavia.

  • Una bellissima idea viaggio…cercherò di fare questa esperienza al più presto..grazie..