Viola che cresce.

Life Mummy · · 8 commenti

Sponsored.

Pensavo che la parte difficile fossero le notti insonni, i pianti inspiegabili.

Non avevo capito niente 🙂

La parte difficile arriva ora. Ora che cresce, ora che non posso più proteggerla da tutto, ora che inizia ad avere i suoi piccoli segreti e sentimenti di cui non sempre parla. Ora che non è più bambina e non è ancora grande. Ora che inizia a farsi domande. Ora che certi distacchi, paradossalmente, li vive molto di più.

Ora che ha bisogno delle risposte, ma non sa ancora fare le domande.

Ora, che la piccola nana, poi Polpetta, poi Topo, poi Banana, sta diventando Viola.

Era un po’ che non facevo un foto post, e in questo vedrete quanto è incredibilmente cresciuta.

Durante la settimana di San Valentino, che qui in UK era anche half term, ovvero i bambini erano a casa da scu0la, abbiamo deciso di trascorrere diverse giornate in tre.

La feste che celebra l’amore nel nostro  caso non può non includere anche quello per questa non-più-piccoletta.

Siamo usciti tutti insieme, siamo andati nel bellissimo parco di Kenwood House.

Riconoscete questa villa?

Yes! E’ la villa dove sono stati girati tantissimi film come Notting Hill e Orgoglio e Pregiudizio.

Si trova nel parco di Hampstead Heath ed è circondata da ettari di meraviglioso prato all’inglese, dove si corre a godersi il sole nelle rare giornate luminose, come quella che siamo stati tanto fortunati da avere alcuni giorni fa.

Ormai non è sempre facile pianificare giornate, feste, weekend. Lei non è più una bambina piccola, che la porti ovunque. Vuole decidere, vuole dire no. E ne dice parecchi.

Tanto non puoi combattere contro i bambini: vincono sempre loro 🙂

Devi negoziare, devi capire, devi fare passi indietro e modulare quelli in avanti. E’ una danza estenuante, specie se fatta per lo più da sola. E’ un balletto fatto con una persona che ormai conosce tutti i tuoi lati deboli, e credo che questo succeda soprattutto alle mamme che, come me, si sono trovate per molto tempo in un microcosmo fatto di loro e del bambino/a.

Quando non c’è nessuna pausa tra te e loro, quando non ci sono nonni o nonne, parenti, amici disponibili, tate e in generale siete per lo più in due, l’estrema confidenza porta anche a non stabilire bene i confini. Del tuo bambino vedi ogni momento, bello e meno bello, e loro di te.

Com’è andata credo lo sapremo solo in futuro…

 

Ma state con me perché voglio farvi vedere le foto più belle di questa giornata…

Abbiamo trovato un attimo di luce perfetta. Un abbraccio dove i nostri corpi fanno la forma esatta di un cuore.

Trovo così difficile questo momento in cui lei si accorge di crescere e per questo vuole stare più attaccata a me, più attaccata alla bambina che era, e io so che devo invece incoraggiare la sua indipendenza.

E’ anche un problema comune a chiunque abbia cresciuto dei figli quasi da solo/a: il legame è fortissimo, fa quasi paura per quanto è intenso.

Spesso mi auguro di non essere il suo esempio, o che sappia dosare la mia inevitabile influenza.

Perché i bambini prendono tutto da te: i lati belli, ma anche quelli brutti. Quelli oscuri.

Eppure, in qualche modo, so che ce la faremo.

Siamo sempre state insieme, abbiamo sempre affrontato tutto. Continueremo a farlo.

 


Durante questa giornata Viola ha ‘portato a giocare’ i vestitini di iDO, un brand che vi ho fatto conoscere nel corso dello scorso anno con questi post, e che continua a farci compagnia in questo inizio 2018. Come sapete io sono un po’ contraria alla regola ‘i bei vestiti si mettono la domenica/per occasioni speciali’, perché ogni giorno può essere un’occasione speciale e anche perché i vestiti sono fatti per essere messi e rimessi.

Se poi oltre ad essere carini sono anche comodi, come questa gonna in cui lei adora fare le giravolte, ancora meglio.

Commenti

  • Marta

    Ma solo a me queste foto sembrano fintissime e costruite solo per essere pubblicate sui social?

    • Infatti è uno shooting fatto per essere pubblicato sui social. Durante la giornata che ho descritto.

    • Fiamma

      Pensa che a me invece sembrano gesti normalissimi, ben fotografati.

    • elle

      Anche a me….

  • Laura

    Bellissime foto! E il post mi ha commosso. Anch’io, in quanto expat, vivo come in una bolla con i miei due figli (attualmente di quattro anni e mezzo e di due anni e mezzo). Vedremo…

  • Laura ch.

    Foto splendide!
    Viola sembra una bambina felicissima e con un legame fortissimo con te! Stai facendo un ottimo lavoro!

  • GoodNews&GoodBooks

    Chiara, che bellissimo ricordo!
    Sono stata a Londra per la prima volta a settembre, a trovare con il mio ragazzetto di otto anni un amico che abita proprio ad Hampstead.
    La domenica ha insistito a portarci a prendere il té a Kenwood House: tantissimi prati verdi, un bar con giardino delizioso, una red velvet cake strepitosa… e la sorpresa che ci conosciamo da così tanto tempo ormai che la nostra più che amicizia è una specie di fratellanza.
    Grazie per queste foto, che sono speciali anche per me!