Tutte le cose che vorrei dirti.

Vorrei dirti che nella vita le cose diventano difficili prima di essere facili. E non diventano nemmeno realmente facili: sei tu che diventi più brava…

Dio e il suo Unicorno

Mummy ·
unicorn sky

COMPITO A CASA: questa settimana parleremo di Chiese, e andremo a visitare una Chiesa Anglicana. Per compito, ogni bambino deve disegnare, o realizzare con qualsiasi materiale, una Chiesa.

Quindi arriva Viola con il disegno di una casa. Un cubo con una porta e due finestre.

“Ecco la chiesa.”
“Amore ma sembra un po’ una casa normale… le chiese hanno tipo il campanile, le croci, ti ricordi quelle di Roma?”
“Ho capito, ho capito.”

Dopo cinque minuti torna. Accanto al cubo ha aggiunto, sospesa per aria per grazia divina, una croce. Accanto ad uno dei muri della chiesa invece c’è la torre del Castello di Barbie, rosa con i tre merli e un non meglio identificato tetto a punta dove sventola una bandiera.

“Ecco la chiesa.”

“Bella amore. Adesso ci puoi mettere due tre persone magari, che dici?”

“Ah, la gente.”
Torna dopo cinque minuti e davanti alla chiesa ha disegnato una fila che fa il giro del palazzo tipo il giorno di inizio Saldi a Euroma2.

“Tanta gente!”
“Eh sì, la chiesa è chiusa.”
“E come mai?”

“Perché il prete è andato a fare la spesa.”
“Beh, magari se non c’è il prete…”

“La moglie è ammalata e e non può aprire.”

“La moglie. Uhm. Ok.”

“Bastano queste persone?”

“Direi di sì. Se vuoi fare qualcosa puoi aggiungere delle statue di Santi, dipinti di Angeli… Sai, in chiesa ci sono.”

Torna dopo cinque minuti e sospesi sul muro della chiesa ci sono, nell’ordine: un omino con una palla, una donnina con una tazza in mano e un omino che va a fuoco.

“Amore, che sono?”
“Il Dio del Calcio, la Dea del Té e il Dio del Fuoco.”

“Amore, capisco che ti piaccia la mitologia greca, ma noi di Dio ne abbiamo uno solo.”
“Ed è il Dio del….?”

“E’ Dio e basta.”
“Sì ma il Dio DI CHE?”

“Di tutto.”
E’ perplessa.

“Allora questi sono i Santi. Il Santo del Calcio, il Santo del Fuoco e il Santo del Té.”

“Sì, mò, il Santal.”

“Eh?”

“Lascia perdere. Allora, i Santi sono tipo… senti, un giorno facciamo una lezione sui Santi ok?”

“Ok. Senti mamma….”
“Eh.”

“Insieme agli angeli ci posso disegnare anche un pony?”

“NO. IL PONY NO!”

“Ma uno CHE VOLA! Uno unicorn!”

Fin ora siamo stati abbastanza leggeri riguardo la religione Cattolica MA vivendo in un Paese dove Viola è esposta alle più varie confessioni, nonché ad una forte influenza Anglicana, forse è il momento di dedicarci all’insegnamento delle BASI.

Ora, da dove iniziereste per spiegare la religione Cattolica ad una cinquenne, senza traumi?

Commenti