Tutte le cose che vorrei dirti.

Vorrei dirti che nella vita le cose diventano difficili prima di essere facili. E non diventano nemmeno realmente facili: sei tu che diventi più brava…

Natale a Disneyland Paris: Fantasyland

Francia Travel ·

Renderlo speciale, come la mattina di Natale. L’ho svegliata con la musica di Frozen, e la cosa assurda è che eravamo in albergo perché casa nostra era ‘momentaneamente allagata’ ed erano giorni che vagavamo tra alberghi e case di amici con la valigia e le famose tre paia di mutande dentro, eppure è stato ugualmente emozionante. Abbiamo preso il treno dalla stazione di St.Pancras già decorata, con il suo albero gigante e i pacchetti alle vetrine e ci sentivamo già in pieno #DisneyXmas mood 🙂

Lei, la sua coroncina da principessa e il suo zainetto di Topolino mandatole direttamente da Elsa e io, i miei ricordi dell’ultima volta che ci ero stata, tanti anni prima. Ecco il mio pass di allora, del quale mi sono fatta mandare una foto da mia mamma.

Disneyland Paris pass 1992

Ed eccomi a Disneyland la settimana scorsa, la  faccia da ‘ho di nuovo 6 anni anch’io’ e il mio nuovo badge per il weekend, questa volta come press:

Disneyland Paris Christmas

(Basta, ho raggiunto l’obiettivo di una vita: sono ospite di Mickey Mouse. Posso chiudere il blog. Haha.)

Arriva subito il momento di varcare quel cancello tutto rosa sovrastato dall’orologio di Topolino, ed era stato guardando quell’orologio che la prima volta qui a Disneyland Paris mi ero così emozionata – ‘allora E’ VERO, siamo A CASA SUA…’ avevo pensato. Un piccolo dettaglio che fa la differenza, come tutti i piccoli dettagli di Disneyland Paris che ti fanno smettere di ragionare sul come-e-perché e iniziare a vivere la tua favola.

Disneyland Paris Christmas Disneyland Paris Christmas

Disneyland mi ha sempre fatto un effetto meraviglioso: è il posto dove ogni problema, pensiero, preoccupazione restano fuori dai cancelli. Entri, e la felicità è qualcosa che respiri nell’aria. Ti trovi a sorridere senza davvero sapere perché. E quando sei ‘cresciuto’ e hai perso l’innocenza su certe piccole cose, ecco che se ci torni con i bimbi sono loro a ricordartelo.

Disneyland Paris ChristmasDisneyland Paris Christmas

C’è già aria di Natale. Tutto è colorato, decorato, illuminato, festoso. E a pochi minuti dal nostro arrivo incontriamo la parata Natalizia: quale modo migliore di iniziare il weekend se non avere Topolino, Minnie, Paperino e tutti gli altri personaggi che ti sfilano davanti salutando te, proprio TE? (O almeno questa è l’impressione, stile Gioconda: ‘ndo stai stai, TOPOLINO TI VEDE. Giù le dita dal naso.) Dovevate vedere lo sguardo di Viola: occhi sgranati e bocca spalancata (fosse passata Mary Poppins le avrebbe detto di chiuderla, che non è un merluzzo). La meraviglia pura.

Disneyland Paris Christmas

E poi beh, il castello è sempre il castello. Ovviamente lei ha chiesto se dentro ci si può dormire e io le ho risposto amore, se ci si poteva dormire io da mo’ che m’ero messa i soldi da parte per prendere la suite di Aurora. Cioè, siamo seri.

Disneyland Paris ChristmasDisneyland Paris ChristmasDisneyland Paris ChristmasDisneyland Paris Christmas

Fantasyland rimane sempre la mia zona preferita di Disneyland. E’ questo che io e Viola ci aspettavamo da Disneyland: un regno incantato, la casa di Biancaneve e Cenerentola, giostre e luci, Dumbo e Pinocchio, e l’attrazione del mio cuore: Peter Pan Flight. Sì: le file ci sono, e sono lunghe. Noi avevamo i Fast Pass che però funziona solo per alcune giostre, per altre abbiamo pazientemente atteso oppure abbiamo puntato ad orari migliori per fare la fila, ripassando di tanto in tanto. Siamo riusciti a fare quasi tutto quello che avremmo voluto. La giostra preferita da Viola? Dumbo. Volare sull’elefantino e vedere tutta Disneyland dall’alto l’ha emozionata. Ha sei anni, è vero, ed è piuttosto alta quindi avrebbe potuto fare anche giostre più ‘impegnative’ ma ha preferito così e noi non l’abbiamo forzata.

Disneyland Paris Christmas Disneyland Paris Christmas Disneyland Paris ChristmasDisneyland Paris Christmas

Abbiamo quindi festeggiato un Buon Noncompleanno perdendoci nel labirinto della Regina di Cuori – non vi dico la gioia quando per uscire ci siamo sbagliati e invece di imboccare la porticina ci siamo rifatti tutto il labirinto all’indietro, viva noi.

Disneyland Paris ChristmasDisneyland Paris ChristmasDisneyland Paris Christmasdisney12Disneyland Paris Christmas Disneyland Paris Christmas

So che ve lo stavate chiedendo anche voi: saremo state braccate dagli Ewok come nel 1992 oppure siamo riuscite ad avere incontri ravvicinati con le Principesse? Ma certo: le Principesse! In fondo noi eravamo a Disneyland anche per loro: Elsa ed Anna di Frozen (parte Let it go in sottofondo).

Disneyland Paris Christmas 2014 Elsa and Anna Frozen

Ma Viola ha avuto la fortuna di incontri ravvicinati anche con Rapunzel e Merida. Di quest’ultima aveva visto il film solo una volta ma se n’è innamorata, era così carina e le parlava di ‘Adventures!’ vedevo Viola rispondere ‘sì, sì anche io ho avuto molte adventures perché vivo a Londra’. Awww.

Disneyland Paris ChristmasDisneyland Paris Christmas Disneyland Paris ChristmasDisneyland Paris Christmas

Ovunque ci voltavamo, Fantasyland ci sorprendeva con qualcosa indissolubilmente legato ai miei ricordi di bambina e a quelli, freschi e pieni di entusiasmo, di Viola. Un’insegna, un palloncino, una porta.. come non essere felici quando intorno a te suonano solo musiche che conosci (uh! questa è quella di Aladdin. oh! questa è di Peter Pan!) e il negozio dove entri a sbirciare è quello di Cenerentola?

Disneyland Paris Christmas Disneyland Paris ChristmasDisneyland Paris ChristmasDisneyland Paris ChristmasDisneyland Paris Christmas

E poi la giostra. Ok, sarà come quella che trovi in qualsiasi Christmas Fair Londinese ma qui girando vedi intorno a te castelli e casette dei Sette Nani 🙂

Disneyland Paris Christmas  Disneyland Paris Christmas

It’s a Small World è sempre una piccola certezza. Incanta i piccoli e fa canticchiare gli adulti, che io ancora ce l’ho in mente quella canzoncina e la voce di Viola che indica le varie scene e tenta di indovinare i Paesi. L’Italia l’ha presa subito, sulle altre ha avuto qualche difficoltà 😉

Disneyland Paris Christmas

E poi scende la sera, le luci iniziano a splendere contro un cielo violetto. Si sente odore di popcorn e zucchero filato.

Disneyland Paris Christmas Disneyland Paris Christmas

Ma è quando scende la notte che inizia il momento più intenso della giornata: Disney Dreams, uno spettacolo di luci, musica, acqua e fuochi d’artificio proiettato direttamente sul castello. Un momento di pura emozione, non nego che a un certo punto avevo i brividi. Le sanno fare queste cose qui, non c’è dubbio. Sanno ESATTAMENTE quali tasti toccare per farti scendere la lacrimuccia 🙂

Disneyland Paris Christmas Disneyland Paris Christmas Disneyland Paris Christmas Disneyland Paris Christmas Disneyland Paris Christmas Disneyland Paris Christmas

Ovviamente come non cantare a squarciagola Let it go per il gran finale? 😀

Ho ancora tanto da mostrarvi, a prestissimo con un nuovo post e un nuovo video!

Sul sito ufficiale trovate tutte le informazioni e le promozioni sul Natale a Disneyland Paris.